Colley in ripresa, centrocampo tignoso, Quagliarella non si risparmia mai

22.09.2019 16:58 di Alberto De Venuto   Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Colley in ripresa, centrocampo tignoso, Quagliarella non si risparmia mai

Audero 6,5: giornata sostanzialmente tranquilla per l'estremo difensore blucerchiato che non è quasi mai stato chiamato in causa. Solo una parata decisiva su Zaza e diverse uscite sicure che hanno dato fiducia all'intero reparto arretrato.

Bereszynski 6: il terzino polacco viene schierato in un ruolo inedito per lui, centrale destro di difesa, e non sfigura. Fa il suo senza rischiare nulla. Lascia il compito di spingere al suo contraltare Depaoli.

Ferrari 6,5: Confermato dopo Napoli, il classe '94 viene messo a comando della difesa e se la cava egregiamente. Gioca semplice e risulta diligente nelle chiusure difensive. (dal 69' Murillo 6: il colombiano prende bene il posto di Ferrari senza alcuna sbavatura difensiva).

Colley 6,5: segnali di ripresa dal difensore gambiano che dimostra di aver buone doti difensive che spesso, però, vengono sostituite da poca concentrazione e troppa istintività. Non lascia giocare Zaza andando sempre in pressing su di lui e impedendogli di giocare. Prova più che positiva

Depaoli 7: costante spinta e supporto in fase offensiva. Costringe spesso e volentieri Aina a ripiegare in difesa. Ottima e convincente la prestazione dell'ex Chievo che svolge entrambe le fasi alla perfezione, una continua spina nel fianco della batteria sinistra del Torino.

Ekdal 6: cerca di costruire manovre di gioco e dove non ci arriva con la lucidità ci mette fisico e cuore. Si assume qualche rischio nelle giocate ma anche grazie all'esperienza evita guai peggiori.

Ronaldo Vieira 6,5: a centrocampo è lui a fare il lavoro sporco. Svolge il compito con sacrifico, attenzione e duttilità tattica. Si fa vedere anche in attacco avendo l'opportunità del 2-0. Ottima prova anche del giovane centrocampista inglese.

Murru 6: quando chiamato in causa in fase offensiva offre sempre il suo contributo e in difesa conferma la crescita dello scorso anno

Rigoni 5,5: poco presente in attacco, quando in possesso dimostra di essere troppo macchinoso dovuto forse ad una condizione fisica non ancora adeguata. Fa intravedere giusto nel finale le sue qualità.

Gabbiadini 6,5: dal primo minuto si è visto un atteggiamento diverso. Per nulla rinunciatario, come apparso dal suo ritorno a Genova lo scorso gennaio, è andato a lottare su ogni pallone. Dove non ci arrivava con la tecnica ci provava col fisico, come dimostra il goal del vantaggio. (dal 75' Linetty 6: dà sostanza e freschezza al centrocampo)

Quagliarella 6,5: il capitano non si risparmia mai. Pressa anche a centrocampo e in attacco prova a farsi gloria. Più lucido nella prima frazione di gioco ma è sempre un esempio per i suoi compagni (dall'82' Caprari s.v.)

Di Francesco 6,5: insiste con lo schema visto a Napoli e le cose vanno decisamente meglio. Trasmette la giusta carica prima della gara ai suoi ragazzi che dimostrano molte cose interessanti e positive, su tutte l'atteggiamento. Sistema la difesa dando nuovamente fiducia ad Alex Ferrari, rispolvera Colley e Gabbiadini che non deludono. Dimostra, inoltre, di avere molta considerazione per il giovane Vieira.