Il polmone del centrocampo doriano. Auguri a Edgar Barreto

 di Serena Timossi Twitter:   articolo letto 3401 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Il polmone del centrocampo doriano. Auguri a Edgar Barreto

Il destino riserva spesso delle sorprese e l'esperienza di Edgar Barreto con la maglia blucerchiata è un esempio di come l'inaspettato possa avere risvolti positivi sia per il giocatore sia per la società.

Il centrocampista paraguaiano, infatti, all'apertura del mercato estivo scorso figurava nella lista dei probabili partenti. Un campionato 2015/2016 dal rendimento altalenante, con un calo nella condizione e di conseguenza delle prestazioni nel girone di ritorno, unito all'interesse da parte di altri club della massima serie e alla politica di ringiovanimento della rosa, aveva contribuito a far maturare nella dirigenza doriana l'idea di procedere alla cessione. Una strada fortunatamente abbandonata, perché l'ex rosanero è stato protagonista di un'ottima stagione 2016/2017, nella quale ha dimostrato di essere il polmone del centrocampo doriano, nonché uno di quei giocatori capaci di non mollare mai, nemmeno nei momenti più bui.

Barreto non si limita a correre, ripiegare, vincere contrasti e recuperare palloni, ma supporta i compagni mettendo in campo – oltre alla sua esperienza – una grinta straordinaria, che gli ha consentito di guadagnare la stima dei tifosi della Sampdoria. Ringhia sull'avversario, poco importa che la partita in questione sia un derby oppure non sia determinante ai fini della classifica, ma allo stesso tempo mantiene un temperamento pacato e sobrio in ogni intervista o comportamento fuori dal campo. Una serietà dimostrata anche quando i piani della società sono cambiati, includendolo nuovamente nel progetto: lui è stato felice di mettersi a disposizione di Marco Giampaolo, che ha puntato molto su di lui sin dall'inizio per equilibrare il centrocampo in modo da coniugare qualità e quantità, e si è dimostrato un ottimo collante all'interno dello spogliatoio.

Se chi gioca di fioretto esalta il pubblico con le sue prodezze, spesso chi mette in campo generosità dando tutto se stesso riesce a conquistare in egual modo il cuore dei tifosi. Quest'ultimo è il caso di Barreto, che oggi spegne 33 candeline, ma siamo certi saprà ancora dare un apporto significativo alla Samp, scendendo in campo con la consueta grinta, il dinamismo e lo spirito di sacrificio che lo contraddistingue.