ESCLUSIVA SN - "Dado Blucerchiato": "Condizione mentale nemico numero uno. Positiva la resistenza per trattenere Kownacki"

19.01.2018 19:16 di Corrado Tedeschi  articolo letto 5125 volte
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport
ESCLUSIVA SN - "Dado Blucerchiato": "Condizione mentale nemico numero uno. Positiva la resistenza per trattenere Kownacki"

Dopo una fantastica partenza è arrivato un leggero calo e poi la pausa. Spero che questo stop del campionato abbia portato in dote un ritorno alla Sampdoria di inizio torneo.

È pur vero che il cammino blucerchiato è stato comunque superiore alle attese della vigilia. Ma avrebbe potuto addirittura essere migliore se non ci fossero stati alcuni black-out. Quello che colpisce è il modo in cui la Samp ha perso alcune occasioni. Pareva addirittura assente dal campo. E gli schemi di Giampaolo non permettono certo delle distrazioni. La mia impressione è che la responsabilità delle battute d’arresto sia dovuta ad aspetti mentali. Le geometrie non possono essere dimenticate. Quindi cosa è mancata è stata la giusta concentrazione nell’applicarle.

Gli aspetti positivi restano comunque preponderanti. L’inserimento dei nuovi, e parlo di Zapata e Strinic, è stato motivo di grande soddisfazione. Il colombiano risulta fondamentale. Dona alla squadra un’alternativa di gioco che prima non possedeva. Il suo vigore fisico e la sua capacità di tenere il pallone e creare varchi possono essere in alcuni casi devastanti per le difese avversarie. Del croato, che purtroppo ha avuto qualche problema fisico, si avverte la mancanza quando non è in campo.

Per la prossima partita entrambi dovrebbero essere al meglio della condizione. E questa è una bella notizia, visto che dopo la partita casalinga contro i viola avremo la doppia sfida contro la Roma. Due di queste partite le giocheremo in casa. Arriva da Firenze la notizia che i tifosi della Fiorentina saranno più di mille. Ma sappiamo bene che a Marassi a sentirsi sarà solo e come sempre il nostro fantastico pubblico, che ha impresso sulla pelle il numero del 12° giocatore. Sta ai giocatori in campo, a questo punto, dare tutto e lanciarsi con veemenza incontro alla nostra gradinata.

Del mercato, quest’anno c’è poco da dire. Positiva l’operazione di affidare Djuricic al Benevento. Avrà giustamente la possibilità di maturare e giocare con continuità. Altrettanto positiva la resistenza della società che ha trattenuto Kownacki nonostante le tante e allettanti offerte. Se qualcosa dovesse esserci, spero si tratti di un rabbocco alle seconde linee, specialmente nel reparto difensivo. Alcuni giocatori, pur validi, hanno dimostrato di non integrarsi nel gioco di Giampaolo.

Tirando le somme pare proprio che il nemico numero uno della Samp sia quindi la condizione mentale. Quella capacità di restare sul pezzo sia quando si gioca contro la prima della classe che contro la cenerentola. Altrimenti si rischia di vincere il premio della critica, ma di non portare a casa trofei sostanziali. 

RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE WWW.SAMPDORIANEWS.NET 

© foto di Sampdorianews.net