Bereszynski e Colley in versione Babbo Natale. Ekdal sfortunato. Bonazzoli appannato

22.07.2020 23:50 di Paolo Paolillo   Vedi letture
Bereszynski e Colley in versione Babbo Natale. Ekdal sfortunato. Bonazzoli appannato
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Audero 5: partecipa alla manovra coi piedi, con sicurezza. Incolpevole sul rigore di Criscito. Graziato sul primo gol di Lerager dal Var, rivedibile sul destro del danese dal limite che lo sorprende sul proprio palo e decide la stracittadina.

Bereszynski 4,5: solita partita senza infamia e senza gloria, fino alla frittatona che consegna la partita al Genoa. Prima tiene in gioco una palla che solo lui battezza fuori, poi incespica nel controllo e consegna la palla ai cugini al limite dell'area.

Colley 4,5: pesa l'errore capitale del gambiano che colpisce Pandev invece che il pallone, per il rigore che sblocca la partita. Poi si riprende e chiude bene ogni varco. Lento quando deve impostare, rischiando qualche fraseggio con Audero che fa arrabbiare Ranieri.

Yoshida 6: chiude quello che può chiudere, forse è un po' lento in uscita su Lerager, nell'occasione del gol vittoria rossoblù, ma per il resto dirige e tiene a bada Pinamonti prima e Favilli dopo.

Augello 6: partita ordinata e di corsa per l'ex Spezia, che tiene bene Iago Falqué e si propone appena può in avanti. Non si risparmia nello sprint e prova anche a mettere qualche cross interessante.

Linetty 5: partita molto sottotono da parte del polacco, che prova a mettere la gamba. Per il resto, non riesce a prendere le misure ai diretti avversari e stenta anche a trovare la posizione congeniale. Non trova un inserimento degno di quelli a cui ci ha abituato anche se dal suo tiro deviato, arriva la palla del momentaneo pareggio di Gabbiadini. Troppo poco, con quella fascia al braccio.

Ekdal 5,5 : mezz'ora a ritmo lento e senza tramare più di tanto. Soffre la scavigliata dopo quindici minuti, sulla finta di Pandev. Poi deve alzare bandiera bianca e lasciare la fascia a Linetty (dal 31' p.t. Vieira 5,5: prova a mettere energia e, al primo intervento, prende il giallo. Poi non corre, rincorre, fino alla deviazione su angolo di Ramirez, che viene salvato sulla linea, non sembrando irresistibile).

Thorsby 4,5: evanescente, in ritardo sui palloni alti, lento nel manovrare. Partitaccia da parte del norvegese, che non incide come ci aveva abituato, segnalando un calo fisico notevole (dal 29' s.t. Depaoli 5,5: pronti, via e ha sulla testa la palla del pareggio, ciccandola malamente di testa. Non aggiunge nient'altro alla sua partita, non essendo un fattore).

Jankto 5: partita fumosa del ceco, che corre molto ma male, non è incisivo e sbava molti palloni. Soffre la marcatura di Biraschi e impegna Perin impattando "troppo" bene di testa il calcio di punizione di Gabbiadini.

Gabbiadini 6: ci prova per primo con un sinistro sbilenco, poi ribatte di destro alle spalle di Perin l'undicesimo gol in campionato, che rianima momentaneamente il Doria. Nel secondo tempo, fa poco e nulla, fino alla sostituzione (dal 29' s.t. Ramirez 5: continua il momento no dell'uruguagio che, tranne la partita di Lecce, non è stato sui suoi livelli. Ha sul destro il pallone del pari, trova Perin pronto. Ci ha dato tante gioie nei derby precedenti, oggi no).

Bonazzoli 5: si presenta con un tacco velleitario e supponente. Gran lavoro, dopo, in supporto alla squadra, fa rifiatare e prende qualche fallo. Si fa apprezzare per due belle aperture ma quando ha la palla buona non punge, venendo contratto da Romero (dal 18' s.t. Quagliarella 5: non punge. Si fa vedere per qualche giocata, come la sponda con Ramirez per l'occasione migliore della Samp nella ripresa, ma poco altro).

Ranieri 6: in questa partita perde Ekdal dopo mezz'ora e deve cambiare assetto proponendo un centrocampo inedito con Thorsby e Vieira. Prova ad incidere con i cambi, ma non trova il jolly dalla panca che cambia la partita. Grida, protesta e si agita come uno di noi, lui, almeno lui, l'impegno ce l'ha messo.