Il goal della speranza. Auguri a Fernando

03.03.2016 00:00 di Serena Timossi Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Il goal della speranza. Auguri a Fernando

Lo stadio ribolle, di voci, canti ed emozioni contrastanti, un misto di tensione, fiducia e adrenalina che i tifosi cercano di trasmettere a chi sta per scendere in campo. Un tutt'uno. La mossa vincente per portare in salvo la nave è remare nella stessa direzione.

Serve la critica costruttiva, il rimprovero per scuotere gli animi, ma ancor più efficace è fare fronte comune: un muro di tifo per arginare le paure, superare i limiti, ritrovare la consapevolezza dei propri mezzi e raggiungere l'obiettivo, ponendo ciascuno un mattone che da solo può sembrare inefficace, ma insieme agli altri si trasforma in fortezza.

Samp-Frosinone, crocevia salvezza che fa riaffiorare ricordi nitidi di scontri diretti non sfruttati risalenti a non molte stagioni fa. Giocatori, mister, tifosi: tutti sanno che questa volta la Sampdoria non può fallire. E allora la Sud incita, invita tutti a stare in piedi per un'armata blucerchiata che risuoni nel Ferraris come un grido di battaglia. Gli spalti ci sono, ora tocca alla squadra farsi valere.

Quagliarella e De Silvestri danno l'esempio, leoni indomabili che mettono l'anima su ogni pallone. Il goal della speranza, la rete che scalda il cuore come un raggio di sole dopo settimane di buio, porta la firma di Lucas Fernando.

Il centrocampista brasiliano, direttore d'orchestra blucerchiato davanti alla difesa, al 44' del primo tempo chiude una triangolazione con De Silvestri con una zampata di sinistro che si insacca a fil di palo, battendo Leali. Esplode la gioia dei tifosi, si riaccende quella speranza mai sopita che prima o poi la ruota potesse davvero girare. Nella ripresa, ci penserà Quagliarella a chiudere i conti. Una vittoria a lungo attesa, che dev'essere il primo mattone della fortezza blucerchiata, per vanificare l'assalto delle inseguitrici.

Fernando, che oggi compie 24 anni, è stato prelevato la scorsa estate dallo Shakhtar Donetsk ed è diventato il metronomo della mediana blucerchiata. Centrocampista che predilige ragionare con il pallone tra i piedi, il brasiliano effettua un elevato numero di passaggi nel corso dei match ed è in grado di fungere sia da perno tra i reparti che da elemento di rottura del gioco avversario. Dotato di un buon tiro, dovrebbe osare di più nella conclusione; nel pieno della maturità calcistica e alla prima stagione in Italia, sta comunque ottenendo buoni risultati e il suo lavoro è prezioso per gli equilibri tattici. All'autore della rete che ha ridato spinta e speranza alla Samp, vanno i nostri migliori auguri di compleanno, con un augurio più generico, rivolto a tutta la squadra: che l'entusiasmo dopo la vittoria con il Frosinone sia la spinta per la nave blucerchiata per trovare al più presto il conforto e il rifugio in un porto sicuro.