Ranieri: "Voglio vedere miei giocatori lottare. Gabbiadini verrà in panchina"

24.09.2020 17:04 di Emanuele Massa   Vedi letture
© foto di Image Sport
Ranieri: "Voglio vedere miei giocatori lottare. Gabbiadini verrà in panchina"

A due giorni dall'esordio casalingo in campionato contro il Benevento, mister Ranieri ha rilasciato un'intervista ai media ufficiali blucerchiati, cominciando da un commento sui postumi della sconfitta all'Allianz Stadium:

"L'arrabbiatura e la delusione è passata, perché sono una persona che subito pensa al giorno dopo. Sono un positivo per cui mi auguro che quello che di male abbiamo fatto contro la Juventus sia uno stimolo in più a nostro favore per affrontare una squadra difficile come il Benevento, una matricola che ha stravinto il campionato di Serie B, per cui è in piena fiducia, correranno e presseranno come diavoli.

Il vero campionato è iniziato con la Juventus, abbiamo sbagliato la prima, soprattutto il primo tempo: dobbiamo far bene, lottare, a prescindere dai sistemi di gioco e dai giocatori, io voglio che lottino, poi uno la sconfitta la accetta, non dico volentieri, ma perlomeno un pochettino più dolce, meno amara. Voglio vedere i miei giocatori lottare su ogni pallone, poi sono soddisfatto: naturalmente c'è l'aspetto tattico, l'aspetto tecnico, l'aspetto fisico, l'aspetto motivazionale, ci sono mille altre cose. Però per me al primo posto c'è la volontà di lottare per sconfiggere l'avversario: è uno sport e tu devi prevalere, questa è la mia filosofia di allenatore, è stata quella di giocatore. Questo voglio dai miei giocatori: che lottino dall'inizio alla fine.

Gabbiadini sta bene, questa settimana è rientrato nel gruppo, ha fatto gli allenamenti anche se non totali come i suoi compagni, in panchina verrà sicuramente. Per il Benevento il campionato inizia davvero perché non hanno potuto giocare la prima, hanno cambiato qualcosina, vedranno se entreranno tutti, è una squadra che ha stravinto il campionato. Dobbiamo stare attenti, loro viaggeranno sulle ali dell'entusiasmo, noi veniamo da una sconfitta che ci brucia molto e dobbiamo far vedere quanto ci è bruciata.

La squadra di Pippo Inzaghi farà un 4-3-3 con le ali a piede invertito in modo che possano rientrare ed essere sempre disponibili per i tagli o l'azione individuale, ha le mezze ali che si inseriscono così la squadra è sempre stretta, come risponderò lo vedremo sul campo, quello che conta è la risposta: se quello che ho detto è stato recepito e come è stato recepito. Lo vedremo solo giocando, perché a tavolino siamo tutti bravi ma poi quello che conta è il campo".