Quagliarella timbra ancora, Ekdal battagliero, esordio sfortunato di Ferrari

29.12.2018 15:02 di Serena Timossi Twitter:   articolo letto 2677 volte
© foto di www.imagephotoagency.it
Quagliarella timbra ancora, Ekdal battagliero, esordio sfortunato di Ferrari

Audero 6,5: partenza in salita, con qualche responsabilità sull'1-0, seppur parzialmente coperto da Ferrari al momento del tiro di Ronaldo. Nel prosieguo del match, però, compie due interventi strepitosi su un gran diagonale di Matuidi e sulla botta sicura di CR7, che devia provvidenzialmente sulla traversa.

Sala 6: dalle sue parti si muove il peggiore cliente del campionato italiano, che prova a contrastare mettendo in campo la massima concentrazione possibile. L'asse con Praet, in fase di spinta, continua a dare segnali positivi.

Ferrari 5,5: il centrale debutta contro la capolista, compie qualche sbavatura, ma nel complesso non si fa intimidire eccessivamente dai fuoriclasse bianconeri. Sfortunato in occasione del rigore, visto che il braccio appare chiaramente lungo il corpo.

Colley 7: giganteggia in area di rigore, svettando sulle palle alte ed intervenendo spesso da ultimo baluardo. E' il pilastro che consente alla Samp di rimanere in gioco fino alla fine.

Murru 6: ingaggia un duello in velocità con De Sciglio, che nella prima frazione lo mette in difficoltà. Nella ripresa prende le misure agli avversari, ma gli straordinari in difesa non gli consentono troppe sortite a supporto degli attaccanti.

Praet 6: al 17' prova a scuotere i compagni con la prima conclusione blucerchiata, anche se non riesce ad imprimere la dovuta forza e precisione. Ripiega con costanza per andare al raddoppio, aiutando Sala sull'asse di destra.

Ekdal 6: prova a spingere, ma non riceve sempre sostegno; spesso agisce da prezioso difensore aggiunto e mostra il consueto spirito battagliero.

(dall'82' Jankto sv: pochi minuti sul rettangolo verde per provare a riacciuffare il pareggio).

Linetty 6: tampona a centrocampo, non disdegnando il tackle quando il gioco si fa duro. Lotta molto e nella ripresa perde qualcosa in termini di lucidità forse proprio a causa del dispendio di energie.

Ramirez 6: prestazione diligente di fronte ad un avversario che concede pochi spazi per pungere.

(dal 71' Saponara 6,5: nel recupero si esalta e segna il 2-2, ma la gioia del goal si strozza in gola per via del VAR, che rileva una posizione di fuorigioco molto dubbia per il tocco di Alex Sandro. Dimostra comunque di essere un pericolo costante per gli avversari ed un'arma importante per la Samp).

Quagliarella 6,5: il capitano non si smentisce e continua a segnare, questa volta su rigore. Tenta sempre di andare alla conclusione, anche in acrobazia e in situazioni al limite dell'impossibile, mostrando la consueta coordinazione e personalità.

Caprari 6: gode della fiducia del mister, che ripaga sacrificandosi come si conviene di fronte ad un'avversaria letale come la Juventus. Il suo apporto è prezioso e, dopo un inizio timido, cresce col passare dei minuti.

(dal 66' Defrel 5,5: entra per dare freschezza, ma non appare ancora al meglio a livello di condizione).

All. Giampaolo 6,5: la sua Samp fa bella figura anche allo Juventus Stadium, uscendo sconfitta, ma battagliera e ordinata come sempre. Dopo l'1-0 in avvio, il rischio di disunirsi e incassare un pesante passivo era forte, ma la squadra blucerchiata ha il piglio del suo mister e non si perde d'animo, rientrando in partita e restandoci fino alla fine. Giusti e ben calibrati anche i cambi, peccato che questa volta l'amuleto del recupero Saponara si scontri con la VAR technology.