ESCLUSIVA SN - "Dai Bazzani segna per noi": "La risposta positiva dei giocatori meno impiegati dimostra che Mihajlovic è al centro dello spogliatoio"

Protagonista nella promozione e nella massima serie con la Sampdoria di Walter Novellino. Ora opinionista per Sampdorianews.net.
02.04.2014 10:16 di Fabio Bazzani  articolo letto 2867 volte
© foto di Federico De Luca
ESCLUSIVA SN - "Dai Bazzani segna per noi": "La risposta positiva dei giocatori meno impiegati dimostra che Mihajlovic è al centro dello spogliatoio"

La risposta della squadra alla sconfitta di Bergamo è stata positiva, non solo per la vittoria con il Verona, ma anche per la prestazione con la Fiorentina, una squadra importante che gioca un bel calcio. Credo che la Samp abbia fatto la partita e non abbia demeritato, e anche se i viola nel finale hanno avuto l'occasione per vincere, molte occasioni le aveva create in precedenza la Sampdoria. Avere la consapevolezza di potersela giocare alla pari con una squadra come la Fiorentina è la dimostrazione degli enormi passi avanti fatti dai blucerchiati, e la conferma che la sconfitta con l'Atalanta è stato solo un incidente di percorso.

Ora c'è la Lazio, una squadra che vive un momento particolare, con un ambiente in contestazione con Lotito. Sicuramente il clima non è sereno. Quando si va ad affrontare la Lazio non si sa mai cosa aspettarsi, e non si possono fare troppi calcoli: quella di Reja è una squadra che può andare a vincere 2-0 a Cagliari, poi fare un passo falso come quello con il Genoa, e tornare a vincere contro il Parma, che è la squadra più in forma del campionato. Quando si vive questo tipo di situazioni può esserci la domenica in cui ti scatta l'orgoglio, e la voglia di mettere da parte le polemiche, ma allo stesso tempo, vivendole tutta la settimana, puoi arrivare alla partita scarico. Io credo che la Samp debba essere consapevole di andare a Roma a giocare una gara difficile, perché la Lazio sarà sicuramente motivata e carica dopo la vittoria ottenuta al 93' contro il Parma, però, allo stesso tempo, visti i risultati altalenanti, credo che i blucerchiati abbiano in questo momento tutte le potenzialità per giocarsi la partita e per fare bene.

Penso che gli ottimi riscontri dati dalle riserve impiegate nel turnover delle ultime gare siano, se non la principale, una delle più importanti testimonianze del lavoro fatto da Mihajlovic. I titolari sono sempre disponibili e pronti a tutto per l'allenatore, ma il vero termometro è quando vengono chiamati in causa giocatori dalla panchina, o coloro che sono stati utilizzati meno: quando si hanno risposte positive anche da loro significa che l'allenatore è al centro dello spogliatoio, e soprattutto riesce ad essere nella testa di tutti i giocatori, e tutti si sentono coinvolti e motivati. È giusto che ci siano gerarchie, come in tutte le squadre, ma quando un allenatore può contare su più giocatori, perche sa che gli danno delle garanzie, è un valore aggiunto per qualsiasi squadra, e a maggior ragione per questa Sampdoria.

Come ha detto Capitan Gastaldello, è fondamentale per il gruppo avere un obiettivo. In tutti gli aspetti della vita, ed in particolare nello sport e nel calcio, se non ti poni quotidianamente un obiettivo, non fai le prestazioni, perché, specialmente in momenti come questo, a salvezza già raggiunta, dipende tutto dall'atteggiamento mentale. Devi cercare dentro di te, e all'interno dello spogliatoio, un traguardo, che può essere anche individuale, ma sempre al servizio della squadra, come per esempio raggiungere un certo numero di gol.
Le motivazioni e gli stimoli di queste ultime partite devono essere tali e quali a quelli che hanno portato ai 40 punti. Così facendo, a fine campionato si potrebbe trovare la Samp in una posizione di classifica importante e, come ha detto Mihajlovic, impensabile nel momento in cui lui è arrivato sulla panchina blucerchiata.

È stato raggiunto un grande traguardo con grande anticipo, ma io credo che nel calcio valga sempre la pena puntare a qualcosa in più: se questi ragazzi hanno avuto la bravura di raggiungere l'obiettivo con tanto anticipo, perché buttare via un mese di partite? Sarà ancora più bello andare ad inseguire qualche squadra più in alto in graduatoria, e trovarsi a fine stagione nella parte sinistra, o addirittura in una posizione insperata. Visto che adesso la testa è più leggera, perché non c'è più l'assillo di doversi salvare, credo che sia nelle possibilità e nelle corde di questa Samp togliersi delle altre belle soddisfazioni.