ESCLUSIVA SN - "Dai Bazzani segna per noi": "Essere alla Samp significa giocare per una Società e un pubblico importante: serve personalità"

Protagonista nella promozione e nella massima serie con la Sampdoria di Walter Novellino. Ora opinionista per Sampdorianews.net.
09.12.2015 21:51 di Fabio Bazzani  articolo letto 2935 volte
ESCLUSIVA SN - "Dai Bazzani segna per noi": "Essere alla Samp significa giocare per una Società e un pubblico importante: serve personalità"

Bisogna dare tempo a Montella affinché possa trasferire le sue idee e il suo tipo di calcio alla squadra, ma sicuramente le risposte finora sono state negative. Non so se Montella con questi giocatori potrà fare il calcio che faceva a Firenze, o dovrà adattarsi e adeguarsi ad un altro tipo di calcio. E' una squadra non costruita da lui, e penso che entrare in corsa sia sempre molto difficile, ma a mio avviso il gruppo deve fare molto di più sotto il profilo dell'atteggiamento. Al di là delle questioni tecnico-tattiche, c'è una passività di atteggiamento, vista anche domenica con il Sassuolo, da correggere. La Sampdoria deve dare una risposta sotto l'aspetto caratteriale, prima che sotto l'aspetto tattico, quindi credo che l'allenatore dovrà lavorare molto di più sulla testa dei giocatori, anche perché dobbiamo ricordare che è una squadra che lui ha accettato a campionato iniziato, e non costruita da lui, secondo il suo modo di giocare.

Da giocatore, e anche tutt'ora, non credo molto ai ritiri, ma in questo momento il fatto di isolarsi un po' e lavorare in tranquillità e serenità, cercando di capire come uscire da questa situazione, può fare bene. Si parla di un ritiro di pochi giorni, non di venti, e non può che giovare per stare insieme capire i problemi, senza la pressione dei commenti e dei giudizi esterni. Isolarsi dal resto e conservare tutte le energie per la partita di lunedì, confrontarsi e fare unione di intenti può sicuramente fare bene.

Montella ha parlato di possibili rinforzi a gennaio che aiutino la squadra dal punto di vista caratteriale. Non conosco le disponibilità né le intenzioni della Samp per il mercato, di sicuro si può aumentare la competitività di questa rosa, sia sotto l'aspetto tecnico, sia sotto quello della personalità. Far parte della Sampdoria significa giocare per una Società importante, per un pubblico importante, e in uno stadio importante: bisogna avere personalità e carattere, questa è la prima cosa. Anzi per assurdo penso che in questo momento per i blucerchiati sia meglio giocare fuori casa lunedì sera, perché magari la squadra sentirà meno pressione. Al contrario, invece, la Lazio, che attraversa un momento negativo, potrà sentire il peso del malcontento del pubblico biancoceleste. In momenti del genere, se non si è forti caratterialmente, e se non si è sicuri di se stessi, giocare in casa può aumentare l'insicurezza e la fragilità.

La partita dell'Olimpico vedrà affrontarsi due squadre che non stanno bene, che hanno ambienti in subbuglio, e credo che la Sampdoria dovrà sfruttare il fatto che la Lazio, giocando in casa, se sbagliasse l'approccio alla gara potrebbe avere il pubblico contro. Chi avrà meno paura avrà la possibilità di portare a casa la vittoria. Sono entrambe in difficoltà psicologica e di risultati, ed entrambe avranno paura di sbagliare, ma chi avrà quel pizzico di coraggio in più potrà prevalere. E' una partita dal difficile pronostico.

La Lazio da parte sua avrebbe dovuto preparare meglio la partita di domenica, e se è vero che sono già qualificati in Europa League, è anche vero che in un momento negativo sono obbligati a fare bene anche nell'ultima gara del girone europeo. In un ambiente "scontento", se dovesse arrivare una brutta prestazione con il Saint-Etienne, anche da già qualificati, equivarrebbe a gettare altra benzina sul fuoco, per cui hanno l'obbligo di prepararla bene e impegnarsi al massimo. Questo può rappresentare un vantaggio per la Samp, perché non potendo permettersi di prendere sottogamba la partita di Europa League, la Lazio avrà sicuramente un dispendio energetico, fisico e nervoso. La Sampdoria potrà prepararsi meglio, e con più tempo a disposizione. I biancocelesti invece in questo momento non possono sottovalutare neanche una partita, perché una sconfitta non sarebbe digerita né dalla Società né dai tifosi.

In casa Samp recentemente si è puntato il dito sulla scarsa condizione atletica. Non è mai carino parlare di chi c'era prima, ma se Montella ha notato e pensa ci sia qualche carenza sotto quel punto di vista, può intervenire solo nel momento in cui il campionato si ferma. Nella sosta invernale potrà lavorare con il suo staff secondo i suoi metodi e le sue idee, mentre in questo momento, con le partite ogni settimana, e addirittura il turno di Coppa Italia la settimana prossima, dovrà limitarsi a gestire gli impegni. Dopodiché potrà mettere il marchio di fabbrica suo e del suo staff, se ci sarà da migliorare la condizione fisica e l'intensità durante il lavoro nella sosta natalizia.