Sampdoria, Giampaolo: "Qualità nascoste da preoccupazioni, sull'anno prossimo non so rispondere"

Marco Giampaolo commenta la vittoria per 4-1 sulla Fiorentina che mette il punto esclamativo alla salvezza della Sampdoria.
16.05.2022 21:28 di Corrado Camera   vedi letture
Sampdoria, Giampaolo: "Qualità nascoste da preoccupazioni, sull'anno prossimo non so rispondere"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

È un Marco Giampaolo che ha voglia di parlare quello che si presenta in conferenza stampa nella pancia del Ferraris. La Sampdoria, già salva grazie ai risultati del fine settimana, mette comunque un punto esclamativo sull’obiettivo raggiunto con un’ottima prestazione e un risultato rotondo contro la Fiorentina, per la soddisfazione del proprio allenatore.

"Stasera mi sono divertito. Ho detto alla squadra fra i due tempi che ho visto cose che proviamo da tempo e non avevamo mai visto. Perché arrivi a giocare questa partita preparato fisicamente, nella strategia della partita ma soprattutto scarico di responsabilità. Hai giocato questa partita con la salvezza acquisita e vengono fuori qualità che finora non avevi visto, nascoste da preoccupazioni. Di là c'era una squadra che si giocava ancora una fetta grossa di Europa, che si portava dietro il suo carico di responsabilità. La testa fa la differenza. Penso che la Fiorentina sia una squadra molto forte. Primeggia in tanti numeri. è una squadra ben allenata da Italiano, ha giocatori forti. Credo che la differenza oggi sia stata soprattutto la deresponsabilizzazione che si sono portati i nostri giocatori. Di là c'era una squadra che si giocava un pezzo importante per l'Europa.

La settimana è stata preparata in funzione della partita di stasera. Non conosci i risultati e bisognava giocare questa partita al 100%. Sono sicuro che sarebbe venuta fuori una partita diversa se entrambe avevano obiettivi. Non una Samp spumeggiante. Mi sono raccomandato di non vedere le partite degli avversari ma non potevo controllarlo se non nelle zone comuni. Oggi ho detto alla squadra che c'era una partita da onorare, poi il risultato non potevo sapere quale fosse. Senso di responsabilità e amor proprio, poi è venuta fuori questa partita perché c'era una squadra libera e una più, fra virgolette, preoccupata.

Sui singoli posso dire che Quagliarella sta bene. Ha la maturità che gli permette di sapersi anche gestire, di fare le cose che sa fare con tempi e modi adeguati. è un giocatore forte e che sta bene. Se lui vuol giocare ancora è giusto che giochi ancora. Non me la sono trascinato. Sabiri ha delle qualità e forza. Deve migliorare in tante cose. A me è piaciuta la prova di tanti giocatori come Rincon e Thorsby, Candreva ha fatto la migliore dell'ultimo periodo. Il pacchetto difensivo anche. Sabiri va lasciato tranquillo e sereno senza fargli troppi complimenti.

"Sul futuro e la possibilità di continuare l’anno prossimo con questa squadra non posso rispondere e non so rispondere. Avevo fino a ieri sera un solo obiettivo, ovvero raggiungere la salvezza. Perché sarebbe stata non solo la salvezza sul campo ma un viatico per sistemare le cose in società. Società che deve lavorare molto per sistemarle perché non sono state rose e fiori. Fra dieci giorni ci troveremo e capiremo cosa c'è da fare, cosa non c'è da fare e se lo faremo assieme. Magari ci sarà una proprietà nuova e ci mandano a casa… Interessava chiudere bene oggi facendo la miglior partita da quando sono qua.