Ranieri: "Spero che il calcio che abbiamo sempre amato possa tornare. Ci mancherà sostegno tifosi"

23.05.2020 13:27 di Emanuele Massa   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Ranieri: "Spero che il calcio che abbiamo sempre amato possa tornare. Ci mancherà sostegno tifosi"

Ritornato da questa settimana sul campo di allenamento di Bogliasco, Claudio Ranieri ha rilasciato una lunga intervista a The Times of India cominciando da una descrizione della sua situazione personale:

"Sto bene - le sue parole tradotte da Sampdorianews.net - e tutti nella mia famiglia stanno bene. Ho trascorso il blocco a Genova con mia moglie Rosanna. La Sampdoria ci ha fornito tutto l'aiuto di cui avevamo bisogno per superare un periodo molto difficile e insolito. Eravamo in contatto con il club, lo staff e la squadra ogni giorno attraverso chat e videoconferenze. Ovviamente, non è la stessa cosa rispetto alla quotidianità a cui eravamo abituati.

Per uno come me che ha sempre amato il contatto umano e ha viaggiato in tutta Europa e nel mondo, trovarmi bloccato in un appartamento per così tanto tempo è stato a dir poco strano. Mi ci sono abituato senza problemi, comunque. Stare a casa era davvero l'unico modo per aiutare le persone negli ospedali a combattere per salvare la vita dei pazienti con il coronavirus. In generale, il popolo italiano lo ha gestito molto bene". 

Quando prevedete di ricominciare il campionato? Hai delle preoccupazioni? "Siamo tornati ad allenarci da alcuni giorni aspettando che il Governo decida quando riprendere il campionato. Ci sono molte cose da considerare, a cominciare dai problemi medici e di salute, perché nessuno sa ancora esattamente quali potrebbero essere le conseguenze per i giocatori che sono risultati positivi al virus. Stiamo procedendo con cautela, il che significa molti test e il monitoraggio dei giocatori su base quotidiana. Anche le nostre abitudini sono cambiate: noi allenatori, ad esempio, dobbiamo continuare a indossare una mascherina protettiva in campo. Se il campionato riprenderà, giocheremo molte partite in un breve lasso di tempo, quasi sempre tre alla settimana. E sarà in estate, la parte più calda dell'anno. Non ci sono casi simili in passato che possano aiutarci, dovremo fare appello al buon senso e alla nostra capacità di adattamento. Fortunatamente, la regola delle cinque sostituzioni è stata approvata, sono favorevole e sono sicuro che ci aiuterà. Se riprendiamo, le partite saranno a porte chiuse e il calcio senza tifosi non è calcio. Giocheremo per i tre punti negli stadi vuoti".

Quanto sarà diverso per un allenatore guidare una seduta di allenamento e prepararsi per una partita con le norme di distanziamento sociale e i protocolli di sicurezza in atto? "Mi rendo conto che ognuno di noi, allenatori, assistenti e giocatori sta facendo tutto il possibile per adattarsi a una nuova situazione. Ci stiamo preparando come facciamo dopo l'estate, ma questa volta non veniamo da una vacanza. Stiamo cercando di non lasciare che queste differenze di comportamento pesino sulla squadra. Sono fiducioso, ma cauto".

Dopo due mesi senza calcio, cosa significherebbe per i giocatori e anche per te tornare alle partite? "Essere in campo è tutto per un calciatore. Sono professionisti, ma è la loro passione per il gioco che li spinge. Riprendere gli allenamenti è stato molto gratificante per loro e ora devono tornare in forma e prepararsi mentalmente per le partite. Si sono allenati diligentemente a casa durante il blocco e hanno rispettato i programmi di allenamento che venivano inviati ogni giorno, ma c'è una grande differenza tra correre su un tapis roulant o andare su una cyclette rispetto ad allenarsi con un pallone tra i piedi. I calciatori vogliono giocare, il che è normale, ma sono preoccupati per le stesse cose di tutti gli altri: se stessi e la salute loro e delle loro famiglie".

Per un Paese così gravemente colpito dal Covid-19 ritieni che la ripresa della Serie A possa dare un po' di felicità alle persone? "Durante l'apice della crisi, non credo che il primo pensiero della maggior parte degli italiani riguardasse il calcio e la ripresa del campionato. Ora che l'Italia si sta riprendendo, il livello di interesse è probabilmente diverso anche se, come in Germania e in altri Paesi, i tifosi dovranno abituarsi a guardare le partite in televisione. Sarà una situazione nuova per coloro che sono abituati ad andare regolarmente allo stadio. Questo è un aspetto che il calcio non può sottovalutare perché è la prima volta che succede da oltre 100 anni. Il gioco sarà diverso, ma proprio come tutti gli altri in tutto il mondo, spero che il calcio che abbiamo sempre amato possa tornare al più presto. Ora dobbiamo stare attenti e assumerci le responsabilità, come in ogni singolo lavoro".

Sarà strano giocare negli stadi vuoti? "Come ho già detto, sarà una situazione strana, nuova e innaturale. Spero che possiamo tornare presto alla normalità. Ogni sport senza la passione e il supporto dei tifosi non è lo stesso. É una storia simile nel tennis quando batti le mani dopo un colpo vincente, no? O quando un corridore dei 200 metri ottiene la spinta dai tifosi sugli spalti? O quando un ciclista deve andare in salita con la folla che lo incoraggia? Gli atleti non sono robot e vivono per avere quelle emozioni che scorrono nelle loro vene e per generarle per se stessi e coloro che li guardano. Non sono mai stato coinvolto in una partita a porte chiuse da giocatore, ma mi è successo un paio di volte come allenatore, di recente con la Samp l'8 marzo prima che tutto fosse bloccato. Non sembrava una partita in casa, dove i tifosi hanno sempre un ruolo chiave e sostengono la squadra, anche quando il risultato non è buono per noi è come se fossero anche loro in campo. Non avremo questa sensazione per un po' e sicuramente ci mancherà".

Quali sono le lezioni che il mondo del calcio può imparare da questa pandemia? "É una domanda difficile a cui rispondere. Spero che ora tutti in tutto il mondo siano più forti dopo questa terribile esperienza che non eravamo pronti ad affrontare. Questo è il mio desiderio, ma non possiamo essere certi di nulla. Il calcio sta vivendo un cambiamento storico proprio come ogni aspetto della vita, ma è ancora presto per sapere se tutti, senza eccezioni, hanno imparato qualcosa di nuovo e significativo. Il calcio in campo non cambierà. L'essenza del gioco rimarrà la stessa, ma come azienda ci saranno cambiamenti dettati dalle conseguenze della crisi finanziaria che ha colpito ogni settore, incluso lo sport. Sono un eterno ottimista, tuttavia, e sicuramente la mia filosofia non cambierà".