Pres. Vis Pesaro: "Ferrero ci ha salvato per la seconda volta. Suo figlio è tesserato con noi, farà il talent scout"

20.06.2019 21:22 di Emanuele Massa   Vedi letture
Pres. Vis Pesaro: "Ferrero ci ha salvato per la seconda volta. Suo figlio è tesserato con noi, farà il talent scout"

Marco Ferri, presidente della Vis Pesaro, ha ripercorso in conferenza stampa le fasi del rinnovo della collaborazione con la Sampdoria in vista della prossima stagione:

"In questi ultimi 40 giorni - le sue parole in un video pubblicato sulla pagina Facebook Solo Vis Pesaro - si sono fatte un sacco di domande: perché se con la Sampdoria abbiamo un contratto di 3 anni, ogni anno dobbiamo trattare. C'era un perché, a dicembre purtroppo è successo qualcosa. Ferrero aveva dato ordine "fuori la Vis". Siamo riusciti grazie a Borozan a portarlo fino a fine anno. Siamo stati a Roma e non siamo riusciti a parlare con Ferrero, eravamo convinti che la cosa ormai era passata. All'inizio di maggio ci arriva una lettera della Samp che il nostro contratto sarebbe finito a fine giugno, perché "Pesaro parla troppo", era nel contratto che se la Vis avesse leso l'immagine della Samp sarebbe stata eliminata automaticamente".

"Noi non abbiamo detto niente - ha continuato Ferri - non volevamo creare panico, avevamo bisogno di lavorare con tranquillità, ci siamo riusciti e dobbiamo ringraziare un'altra volta Ferrero, che ci ha salvato per la seconda volta, perché l'anno scorso senza Ferrero non ci saremmo iscritti al campionato, quest'anno se ci diceva "é finita" eravamo come l'anno scorso. Il figlio di Ferrero è tesserato con noi, farà il talent scout, adesso andiamo avanti. Loro hanno già cominciato a guardare i giocatori della Samp, si farà un budget con loro per il futuro del campionato".

Significativa la battuta successiva del Presidente del sodalizio marchigiano: "È chiaro che Ferrero un'altra cazzata non ce la perdona".

Infine, Ferri ha risposto a una domanda sul possibile acquisto di azioni della Vis da parte blucerchiata: "Noi abbiamo ricucito lo strappo che c'è stato, il progetto se deve andare avanti deve coinvolgere sempre di più la Sampdoria. Se vogliamo che una società come la Samp investa qui da noi per tutto il sistema del circolo, la tribuna nuova eccetera, deve avere se non altro la maggioranza della società".