SAMPDORIA GONFIA LA RETE – Dottor Jekyll e Mr. Hyde

L'analisi settimanale dell'attacco blucerchiato
13.03.2018 09:13 di Serena Timossi Twitter:   articolo letto 921 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
SAMPDORIA GONFIA LA RETE – Dottor Jekyll e Mr. Hyde

Il principale ostacolo per la Samp sulla strada verso l'Europa sembra essere diventato la Samp stessa. L'insidia che si nascondeva dietro la gara dello Scida, infatti, era rappresentata dal sottovalutare l'avversario, affrontandolo senza la dovuta concentrazione e privi della grinta necessaria a portare a casa il risultato. In quest'ottica, la trasferta di Benevento aveva creato un precedente negativo da cui trarre insegnamento, auspicando che la squadra evitasse di ripetere gli stessi errori. A Crotone, tuttavia, i blucerchiati hanno disputato probabilmente il peggior match stagionale: mai in partita, surclassati a livello atletico e tattico dalla squadra di Zenga, in vantaggio di tre reti dopo appena 35'.

La prestazione di Fabio Quagliarella e Gianluca Caprari è stata nettamente insufficiente, al pari della maggior parte dei componenti della squadra. Un atteggiamento passivo e poco convinto, a tratti rinunciatario, che li ha resi inoffensivi, annullando i pericoli per la retroguardia calabrese. Per Caprari giornata da dimenticare: l'attaccante romano è apparso fumoso e poco concreto, inoltre in fase di non possesso non ha ripiegato con la continuità mostrata in altre gare, non favorendo la collaborazione tra reparti che avrebbe consentito di allentare la pressione avversaria.

Decisamente sottotono anche la prestazione del numero 27, che ha incassato i colpi inflitti dalla squadra di Zenga faticando a reagire. Meglio nella seconda parte della ripresa, quando la Samp ha provato a salvare l'orgoglio affacciandosi con maggiore frequenza – seppur con poca incisività – nella metacampo del Crotone. Due conclusioni da parte dell'attaccante partenopeo, ma non abbastanza potenti né angolate per impensierire Cordaz.

L'unica nota lieta della giornata è stata la prestazione di Duvan Zapata nella seconda frazione: il colombiano, subentrato ad uno spento Ramirez, si è rivelato il più propositivo dell'undici blucerchiato. Suo il goal della bandiera e suoi i tentativi più convincenti di fare a sportellate con la retroguardia pitagorica.

Domenica i blucerchiati affronteranno l'Inter, impegno ad elevato tasso di difficoltà tra le mura amiche. Il risultato dipenderà dalle vesti che la Samp deciderà di indossare in campo: imprevedibile e disorientante Mr. Hyde, come spesso sceglie di mostrarsi in trasferta, o affidabile Dr. Jekyll, come nella maggior parte delle prestazioni casalinghe di questa stagione. Un problema di doppia personalità che è giunto il momento di risolvere, abbandonando quell'alter ego deleterio che rischia di vanificare gli sforzi compiuti lungo il cammino.