CON IL CUORE FINO ALLA VITTORIA - dalle stelle alle...

Rubrica di approfondimento sul reparto difensivo della Sampdoria
22.01.2020 12:23 di Matteo Rosagni   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
CON IL CUORE FINO ALLA VITTORIA - dalle stelle alle...

Una settimana addietro scrivevamo di una prestazione stellare messa in campo dalla difesa della Sampdoria a spese della Leonessa lombarda, quest'oggi invece ci troviamo, nostro malgrado, nella situazione diametralmente opposta. Certo, i valori tecnici delle due avversarie non sono comparabili, la classifica lo dimostra, segnalando un Brescia in lotta per non retrocedere e una Lazio terza in classifica, immediatamente a ridosso delle due pretendenti al titolo. Questo però non può in alcun modo giustificare una prestazione passata davvero dalle stelle alle stalle, come si suol dire.

Nella sagra degli errori, per meglio dire degli orrori, a cui i tifosi blucerchiati hanno assistito Sabato pomeriggio, nessun difensore blucerchiato risulta esente da colpe, rei di una prestazione nettamente al di sotto delle loro possibilità. Certo la potenza di fuoco dei capitolini ha messo a dura prova la solidità della retroguardia genovese e questo può giustificare il numero di gol subiti, ma non l'atteggiamento a causa del quale sono maturati. Mister Ranieri nel pre gara aveva espressamente detto che avrebbe tollerato una sconfitta, ma per nessun motivo un calo di concentrazione, calo che invece è avvenuto: vedremo se i provvedimenti che verranno presi daranno sfogo alla minaccia di cannibalismo.

Omar Colley pare l'ombra di se stesso, preda di una disattenzione che sfocia in deleteria imprecisione: si fa una clamorosa dormita propedeutica all'iniziale vantaggio laziale, regala un rigore agli avversari e si spreca spesso in pericolosi falli. Gli fa eco il compagno di reparto Julian Chabot, colpevole di una prestazione sottotono, non riuscendo a reggere il confronto con Immobile. Nel finale di gara poi, riesce anche a rimediare un rosso diretto, che pregiudicherà la sua presenza nella prossima gara, in un momento non facile per la rosa della Sampdoria.

I terzini Bartosz Bereszyński e Nicola Murru oppongono debole resistenza alle incursioni dei biancocelesti, lasciando ampio spazio per le ambizioni di marcatura dei ragazzi di Mister Inzaghi. Murru inoltre allarga il braccio in area causando il primo dei due rigori trasformati dalla Lazio. Dal 65' c'è spazio per Tommaso Augello, che dà un poco di spinta offensiva in più, impegnandosi in qualche cross interessante.

La prossima gara vedrà contrapposte Sampdoria e Sassuolo, in una partita che potrebbe regalare ampie boccate d'aria fresca all'eventuale vincitrice: a differenza dell'incontro disputato contro l'Aquila di Roma, dove la sconfitta, seppur non con l'atteggiamento attraverso la quale è arrivata, era contemplabile, contro i neroverdi invece non ci possono essere inciampi di alcun tipo e a tal fine è necessaria una netta inversione di marcia nell'atteggiamento complessivo della squadra, difesa in primis.