ESCLUSIVA SN - S.S.C. Capua, Guarino: "Merola talento innato. Un'altra grande società di A lo segue. Credo sia orientato a scegliere la Sampdoria"

17.01.2019 20:21 di Diego Anelli   Vedi letture
ESCLUSIVA SN - S.S.C. Capua, Guarino: "Merola talento innato. Un'altra grande società di A lo segue. Credo sia orientato a scegliere la Sampdoria"

La Sampdoria resta sempre in prima fila nel puntare su giovani talenti messisi in luce nei nostri campionati giovanili, o in giro per il mondo. Davide Merola, tra i migliori talenti della Primavera interista, è l'ultimo nome cronologicamente accostato alla Sampdoria. Per conoscere al meglio il promettentissimo profilo classe 2000, Sampdorianews.net ha avuto il piacere di intervistare in esclusiva Alberto Guarino, Responsabile dell'intero settore giovanile della S.S.C. Capua, la società che ha scoperto Davide Merola, consentendogli di prendere il volo verso il sogno Inter:

Ripercorriamo l'esperienza di Davide nella vostra realtà. "Ha giocato con noi nell'ultimo anno della categoria esordienti, stagione 2011 - 2012 (in fondo all'articolo è possibile vedere il suo cartellino dell'epoca, ndr), poi è passato all'Inter all'età di 12 anni. Da subito abbiamo visto in lui  qualcosa di diverso rispetto a tutti gli altri bambini. L'Inter ha impiegato ben poco tempo ad adocchiarlo, parliamo di un talento innato nato il 27 marzo 2000. La sua tecnica è una dote, siamo stati noi stessi a consigliarlo a diverse squadre importanti, tra le quali l'Inter, alla quale ci siamo rivolti chiedendo se il nostro giudizio fosse competente. I dirigenti neroazzurri ci dissero immediatamente che il bambino aveva qualità incredibili e non perse tempo ad acquistarlo dopo una stagione con noi. Tutta la famiglia si trasferì  trovando lavoro a Milano. Anche il Napoli lo voleva, era stato adocchiato dalla Juventus, ma l'Inter era la squadra del cuore".

Le qualità che vi hanno impressionato all'istante. "Ha un piede sinistro che fa la differenza, una velocità indescrivibile nelle giocate, anticipa i tempi rispetto alla stragrande maggioranza dei coetanei, sa in anticipo dove andrà a finire la palla, cosa deciderà l'avversario dopo averlo studiato a fondo in poche frazioni di secondo. La Campania è una grande fucina di talenti, possiamo contare su tanti osservatori che seguono l'intera regione, li facciamo crescere e li segnaliamo ai club professionistici. Davide è arrivato a Capua grazie alla competenza di Vincenzo Caruso, attualmente nostro Vicepresidente. Venne da noi nonostante fossero tante le società a seguire quel bambino di 10 anni".

Il rapporto con il calcio e gli altri bambini. "All'inizio manco pensava di giocare a calcio, non perchè non gli piacesse, tutto però partì volendo seguire le orme del fratello maggiore Antonio. Già a quell'età dimostrava un'enorme umiltà, il suo talento rischiava di mettere in ombra i suoi coetanei. Siamo stati noi a decidere di farlo giocare poi tra i giovanissimi di due anni più grandi".

A tanti chilometri di distanza fate il tifo per Davide, restando in contatto. A vostro parere quale è il ruolo a lui più congeniale? "Lo seguiamo sempre con affetto e attenzione. Nella Nazionale Under 19 ha giocato a piede invertito sulla destra. Credo però che il ruolo più adatto alle caratteristiche sia la seconda punta, preferibilmente dietro ad un riferimento che agisca un po' da boa. In quella posizione non perdona, ha un eccezionale fiuto per il goal. Siamo una piccola realtà che lavora con professionalità sul territorio, collaboriamo con il gruppo Raiola, in particolare con Enzo che è anche il suo agente. Ogni anno organizziamo la nostra cena di Natale, il ragazzo non fa mai mancare la presenza ogni qual volta torna a casa. Non ha mai dimenticato e mai dimenticherà il proprio passato".

La Sampdoria lo sta monitorando da vicino. "Rispetto all'uscita delle prime voci di mercato sapevamo in anteprima da qualche giorno del forte interesse manifestato dalla Sampdoria. Apprezziamo molto il lavoro del club e di mister Giampaolo concentrato alla valorizzazione dei giovani. Riteniamo la Sampdoria tra le migliori società in assoluto dove un talento possa emergere. Qualche mese in Primavera può contribuire alla crescita, poi dipenderà dal campionato della prima squadra. Se ci fossero spazi e non obiettivi alla portata da poter raggiungere, potrebbe anche fare le prime presenze tra i grandi, in attesa di lavorare e imparare durante il ritiro estivo".

In Italia molto spesso si pretende tutto subito dai ragazzi, rischiando di bruciarli. "E' vero, la fortuna fa la sua parte nella nostra vita. Davide è un ragazzo molto determinato, non si è mai montato la testa, ha la testa sulle spalle. Non ha mai pensato di essere chissà chi, ricorda da dove è partito, i sacrifici fatti. Nell'ultimo anno l'Inter ha sfoltito molto l'organico Primavera, su quasi tutti ha mantenuto il diritto di recompra".

A suo parere sarà la Sampdoria a spuntarla? "Posso rivelarvi che un'altra grande società di serie A segue il ragazzo. Con me Davide non si è espresso direttamente, a pelle però credo sia orientato a scegliere la Sampdoria, ovviamente se il club doriano decidesse di chiudere l'operazione. Davide è un ragazzo intelligente, sa che accettare un club che crede sui giovani rappresenta la giusta strada".

RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE SAMPDORIANEWS.NET

Davide Merola
Davide Merola © foto di S.S.C. Capua