ESCLUSIVA SN - Andrè Franco: "Adrien Silva bravissimo nel verticalizzare. Sua esperienza un valore aggiunto per Sampdoria"

06.10.2020 09:24 di Diego Anelli   Vedi letture
ESCLUSIVA SN - Andrè Franco: "Adrien Silva bravissimo nel verticalizzare. Sua esperienza un valore aggiunto per Sampdoria"

Adrien Silva rientra tra i principali colpi messi a segno dalla Sampdoria in questa particolare sessione di mercato. Per conoscere al meglio un importante interprete del calcio portoghese, Sampdorianews.net ha avuto il piacere di intervistare in esclusiva Andrè Franco, Chief Scout della Playmaker Soccer Agency, con sede in Portogallo e operativa a livello internazionale:

Bandiera dello Sporting Lisbona e campione d'Europa con il Portogallo nel 2016. In patria come viene ancora  considerato Adrien Silva? “A livello di club Adrien è considerato come una perla della formazione dello Sporting, un giocatore consacrato nella storia, i tifosi hanno grande rispetto per lui come persona e come giocatore. Ha lasciato un segno indelebile a tutti i livelli, anche in Nazionale, contribuendo al raggiungimento di uno storico traguardo”.

La Sampdoria si è assicurata un calciatore di grande esperienza internazionale in mezzo al campo. I punti di forza e le principali caratteristiche di Adrien Silva. “E' un giocatore che fa sentire molto la propria presenza a centrocampo, in termini di caratteristiche può giocare dal numero 6 all'8 nella precedente numerazione calcistica, è un profilo versatile e completo.  E' un ottimo centrocampista sia in impostazione che in fase di non possesso, occupa benissimo la posizione. E' bravissimo nel verticalizzare il gioco, sa imporre il proprio ritmo, al momento del passaggio filtrante riesce ad aprire gli spazi tra le linee avversarie, trovando il tempo giusto per l'imbucata”.

Ci si aspettava di più nelle sue esperienze con Leicester e Monaco? Cosa lo ha un po' condizionato? “Per la sua qualità è chiaro che mi aspettassi molto di più a Leicester e Montecarlo. In Inghilterra il fatto di dover attendere fino a gennaio prima di scendere in campo a causa delle tempistiche del tesseramento non lo ha aiutato molto, ha riscontrato qualche difficoltà ad adattarsi e a conquistare il posto titolare.  A Montecarlo si è ambientato molto meglio, ha accumulato un elevato minutaggio. Senza dubbio è stato considerato un elemento da tenere in considerazione nella squadra soprattutto nelle fasi più delicate, confermandosi un giocatore importante mettendo in mostra qualità tecniche e personalità”.

Come prevedi il suo ambientamento nel calcio italiano? “Credo che Adrien abbia tutto per far sì che la serie A possa essere una bella esperienza, sia personale che professionale.  La sua esperienza può rivelarsi un valore aggiunto per la Sampdoria, sia in fase di costruzione del gioco che nelle fasi difensive. In questo momento della sua carriera può incidere in modo significativo nel campionato italiano”.

Ranieri è un suo grande estimatore. Potremo rivederlo al top del rendimento? “Penso proprio di sì. È il tipo di centrocampista che Ranieri aveva bisogno, in quanto migliora la qualità del palleggio in mezzo al campo, aggiungerà molto alla Sampdoria dal punto di vista tattico. Per Adrien trovare un allenatore della caratura di Ranieri è senza dubbio un aspetto fondamentale”.

RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE SAMPDORIANEWS.NET