Difesa quasi perfetta. Thorsby e Vieira indomiti

12.01.2020 17:35 di Matteo Romano   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Difesa quasi perfetta. Thorsby e Vieira indomiti

Audero 6: Rimane spiazzato dal colpo di testa di Chancellor. Nella ripresa fa buona guardia sulle uniche conclusioni delle Rondinelle firmate da Balotelli.

Bereszynski 6,5: Partita di contenimento. Gli avversari dalle sue parti non arrivano sul fondo, e anche la presenza di Balotelli nella sua porzione di campo non gli causa problemi di sorta

Dal 40' s.t. Murillo: s.v.

Regini 6,5: Al rientro al Ferraris dopo una lunga assenza il centrale blucerchiato sfodera una prestazione attenta e senza sbavature, partecipando anche al giro palla della retroguardia. Poco reattivo assieme al collega di reparto difensivo sulla rete del vantaggio dei lombardi.

Chabot 6,5: Dopo la convincente prova di San Siro il tedescone non stecca nemmeno la replica. Il confronto con altri due alti come Balotelli e Torregrossa è vinto, e soltanto nell'azione del vantaggio lombardo viene anticipato da Torregrossa e Chancellor. 

Murru 6,5: Appoggia l'azione ogni qual volta se ne presenta l'occasione. Morde in difesa, Spalek prova a sovrapporsi dalle sue parti, senza però incidere in pericolosità.

Jankto 7: Subito pericoloso per la difesa bresciana con alcune sortite ad inizio partita, trova poi la rete che permette al Doria di chiudere in vantaggio il primo tempo. Nella ripresa continua il suo moto di corsa perpetua, creando pericoli e sostenendo la fase difensiva. Ottimi anche i suggerimenti per le reti di Linetty e Caprari.

Thorsby 7,5: Confermato in mezzo al campo l'eclettico norvegese svetta di testa e raddoppia su ogni tentativo offensivo avversario. Da una sua sortita offensiva giunge anche il penalty.

Vieira 7: Ingaggia un duello serrato con Romulo e Viviani e ne esce totalmente vincente. Ancora poco incisivo nell'impostazione di gioco. Nel finale prova a fare male con una potente conclusione che si spegne a lato.

Dal 36' s.t. Ekdal s.v.

Linetty 7,5: Gol e assist nel primo tempo. Nella ripresa continua a macinare gioco. Dal suo rientro in campo si è dimostrato imprescindibile e testimonia quanto si sia patita la sua assenza in principio di stagione.

Gabbiadini 6,5: Spreca la più facile delle occasioni, calciando altissimo di sinistro da posizione favorevole. Nella ripresa si mostra indomito e prova a cercare la porta in ogni occasione. Dalla sua caparbietà e con l'aiuto di Thorsby scaturisce l'azione del rigore. Stremato esce tra gli applausi. Sfortunato.

Dal 29' s.t. Caprari 7: Entra e segna. Cosa desiderare di meglio ? 

Quagliarella 7: Nella prima frazione ha l'occasione per segnare in due occasioni: una pregevole rovesciata e un colpo di testa su assist di Linetty che si chiudono fuori. Ad inizio ripresa non sembra trovare una posizione idonea, ma tuttavia con la sua freddezza arriva a colpire su penalty. Rinfrancato dal gol chiude la contesa con una giocata delle sue. 

All. Ranieri 8: La squadra non sbanda malgrado la rete iniziale del Brescia. La Samp mostra carattere e si lancia all'arrembaggio degli avversari, che appaiono inerti e preoccupati. Da lodare anche la cattiveria con la quale la squadra continua ad offendere anche in una situazione di vantaggio acquisito. Dopo Ibrahimovic riesce anche ad ingabbiare Balotelli, manifestando un'organizzazione difensiva praticamente perfetta, soprattutto in considerazione dell'assenza di Colley e del lungodegente Ferrari. La strada verso la salvezza è ancora lunga ma il condottiero per percorrerla l'abbiamo trovato