ESCLUSIVA SN - "La Rovesciata sotto la Gradinata": "Se gioca come sa, la Samp può creare problemi alla Juve. Terrei Gabbiadini"

Indimenticabile Bandiera Blucerchiata. Opinionista di spicco per Sampdorianews.net
12.12.2014 16:10 di Francesco Flachi  articolo letto 2058 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
ESCLUSIVA SN - "La Rovesciata sotto la Gradinata": "Se gioca come sa, la Samp può creare problemi alla Juve. Terrei Gabbiadini"

A Torino la Samp deve provare a ripetere quello che sta facendo finora, non penso sia un test. La Sampdoria è quarta in classifica e si merita a pieno il posto che occupa, sta facendo molto molto bene, è una squadra che ha continuità, e non ha problemi nel giocare con una forte o con una piccola. Credo però che in questo campionato di forti ce ne siano solo due, ovvero Juve e Roma, per il resto è un campionato molto alla pari, e dal terzo posto in poi può succedere veramente di tutto, non vedo grosse differenze. Quindi la Sampdoria deve andare a Torino e giocare come ha sempre fatto: sicuramente potrà creare problemi alla Juve.

Anche alla Samp di Novellino era capitato di fare qualche sgambetto alle big, ma difficilmente riuscivi a vincere con le grandi, dovevi sperare che trovassero una giornata storta, e che a te andasse tutto bene, ma erano altri tempi, e c’erano altri giocatori. Ora non vedo tanta differenza, nonostante la Juventus abbia un grande organico. Questa Sampdoria può permettersi di fare davvero tutto, per intensità, per qualità del gioco, per come gioca e come è messa in campo, per la personalità che ha. Tutte queste caratteristiche si trovano insieme perché sono stati bravi i giocatori, ma soprattutto è stato bravo l’allenatore nel motivare ragazzi che fino a quel momento, o in precedenza in altre squadre, non avevano reso. Mihajlovic ha trovato loro la collocazione, il ruolo giusto, e li ha fatti esprimere al massimo delle loro qualità.

Si avvicina il mercato di gennaio, periodo sicuramente un po’ particolare, ma penso che i giocatori blucerchiati, nonostante siano giovani, abbiano l’esperienza di gestire la situazione. Non mi sembra che Gabbiadini stia “tirando indietro il piede”, anzi tutt’altro: a Verona ha fatto una bellissima partita, con assist e gol, quindi possiamo dire che non si sia lasciato distrarre. Penso che sia normale che a un giocatore faccia piacere essere corteggiato da una grande squadra però, parlo da ex e da tifoso della Sampdoria, capisco le grosse cifre e gli interessi in ballo, ma io me la giocherei da qui alla fine del campionato. So che è una situazione non facile, essendo in comproprietà, però con una Sampdoria così cercherei di tenere i pezzi pregiati per provare a raggiungere un traguardo importante. Come dicevo, a parte Roma e Juve, le altre sono tutte squadre che possono ambire al terzo posto, non ce n’è una più favorita delle altre. Non so se sia la volontà del ragazzo che vuole andare, ma io lo vedo bene, concentrato, e spero che possa rimanere perché la Samp quest’anno può fare veramente qualcosa di grande.

Se poi la Società dovesse fare altre valutazioni, e Gabbiadini dovesse partire, arriverà al suo posto un giocatore all'altezza. Sicuramente non sarà facile sostituire Manolo, perché sta facendo molto bene, e in proiezione futura farà secondo me ancora di più. In quest’ottica si è parlato di un possibile interessamento per Ilicic, ottimo giocatore che a Firenze non si è espresso sui livelli di Palermo, dove da solo faceva vincere le partite. In viola ha avuto qualche difficoltà a livello di ambiente, ha ricevuto critiche, ha una personalità molto chiusa e parla poco, mentre ai tifosi fiorentini piace il giocatore di carattere, ma ha delle qualità veramente importanti che alla Sampdoria potrebbero dare un grosso contributo. Sarebbe di certo una alternativa valida in caso di partenza di Gabbiadini.

Penso che con l’iniziativa “Una rovesciata con Francesco” ci si sia esposti tanto, e spero che tutto quello che è stato fatto non sia stato fatto invano. L’ultima volta che ho parlato con il Presidente Ferrero mi ha detto che la partita si farà, e io credo alle sue parole, perché è una persona che quando dice una cosa la fa. Dietro all’organizzazione ci sono tante cose, e pian piano ne stiamo parlando con tutti, però devo anche dire che se non si farà nel 2015 credo che rinuncerò. Mi auguro che gli sforzi di tante persone che si sono impegnate per organizzare questa partita siano premiati, tornare a Marassi mi farebbe davvero molto piacere.