ESCLUSIVA SN - "La Rovesciata sotto la Gradinata": "Il vero Uomo Derby deve essere tutto il gruppo"

Indimenticabile Bandiera Blucerchiata. Opinionista di spicco per Sampdorianews.net.
12.04.2013 00:02 di Francesco Flachi  articolo letto 2950 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
ESCLUSIVA SN - "La Rovesciata sotto la Gradinata": "Il vero Uomo Derby deve essere tutto il gruppo"

La sconfitta col Palermo ci può stare perchè i rosanero hanno giocato con la cattiveria di chi non ha una buona posizione di classifica. Sono arrivati a Genova con l'arrabbiatura giusta, forse la Samp li ha presi sotto gamba e magari si pensava già al Derby.

Alla stracittadina i blucerchiati arrivano sicuramente meglio rispetto al girone d'andata però bisogna sempre stare attenti e iniziare a guardarsi intorno, perchè nonostante siano 36 i punti in graduatoria, la vittoria del Palermo ha rimesso in discussione le cose. I rosanero fino a poco tempo fa erano spacciati e con due partite sono tornati in corsa, bisogna stare attenti. Come arriveranno alla stracittadina lo sanno i giocatori, hanno disputato partite così importanti e in più in panchina c'è un allenatore che di Derby se ne intende. Delio Rossi è un grande motivatore e saprà lui come gestire la settimana.

Per quanto l'uomo Derby si potrebbe dire Icardi, un giocatore che è in confidenza con il goal così come Eder, Lopez, ma io penso che il vero uomo Derby debba essere tutto il gruppo. La stracittadina la vinci col gruppo, la vinci con il cuore, la vince chi è più tranquillo mentalmente perchè a volte la tensione della sfida ti porta via tante energie. E' facile arrivarci, perchè il Derby lo senti 15 giorni prima e man mano che si avvicina, se ne parla sempre di più.

Ne ho giocato tanti e quando i primi li ho sentiti li ho giocati non bene, in seguito li ho presi con più tranquillità. Non è facile però, man mano che passano i minuti, tutto inizia a sciogliersi e inizi a giocare. Ricordo tutti i derby nei quali sono sceso in campo,  le stracittadine di 10 anni fa secondo me erano le più belle, perchè entrambe le squadre avevano tanti giocatori che militavano da tanto tempo sia nel Genoa che nella Samp e quindi si sentiva di più la partita. Non che i ragazzi di adesso non sentano la gara, però quando c'erano giocatori che da tanto tempo erano nella stessa compagine erano veramente belli, sia che si vinceva, sia che si perdeva, anche se gli sconfitti avevano gli sfottò dei vincenti.

Sarebbe facile ricordare quelli dove ho segnato, ma i Derby sono tutti belli, perchè l'atmosfera che si respira a Genova non si vive dalle altre parti. Quando entri allo stadio e questo ti accoglie tutto pieno, quando arrivi e hai la tensione, l'adrenalina è già alta, in più vedi anche la gente che aspetta con ansia la partita, è lì che ti sale ancora di più l'adrenalina. Sarà una bella sfida, la Samp, forse, è un po' più avvantaggiata perchè è un po' più tranquilla rispetto al Genoa.

I rossoblù devono cercare in tutti i modi di fare risultato perchè è la classifica che glielo chiede. Dall'altra parte i blucerchiati devono giocare per vincere, in quanto è una partita talmente importante per la città che non sono ammessi cali di tensione. Domenica ci sono sicuramente e porterò da Firenze una decina di persone perchè alcuni non l'hanno ancora vissuto, altri invece lo avevano già visto con me. Si verrà con 3-4 macchine.