ESCLUSIVA SN - Dazn, Mastroianni: "Thorsby ha buona tecnica, forza fisica, aggredisce gli spazi. Arma in più sul gioco aereo"

06.01.2019 09:13 di Diego Anelli  articolo letto 3471 volte
ESCLUSIVA SN - Dazn, Mastroianni: "Thorsby ha buona tecnica, forza fisica, aggredisce gli spazi. Arma in più sul gioco aereo"

Morten Thorsby, classe '96 a parametro zero, un'operazione in pugno alla Sampdoria in vista di giugno, senza escludere a priori novità a gennaio.

Per conoscere al meglio le caratteristiche del centrocampista norvegese in forza all'Heerenveen, Sampdorianews.net ha avuto il piacere di intervistare in esclusiva Dario Mastroianni, giornalista Dazn e in precedenza telecronista dell'Eredivisie:

"È un centrocampista di una certa stazza attorno ai 190 cm, nelle ultime due stagioni ha messo su un po' di kg, ingrossandosi muscolarmente.

Si tratta di un classe '96 senz'altro interessante, è dotato di buona tecnica, si butta molto dentro aggredendo gli spazi, una caratteristica che l'ha portato a trovare la via del goal con una certa facilità. In metà stagione ha già realizzato cinque goal, di cui quattro di testa.

Rispetto a Linetty e Praet non ha quel dinamismo nello stretto, ha il passo più lungo, le sue qualità sono altre. L'Heerenveen, da cui è arrivato in Italia anche De Roon, può essere compresa tra le migliori scuole calcio olandesi. L'anno passato sono riusciti a superare il Psv, che sarebbe poi tornato a vincere il titolo, imbattuto da venti giornate. In quell'11 Thorsby rubava meno l'attenzione ma si faceva notare per la grande efficacia. 

Personalmente sono un fan di Praet, l'ho seguito anche durante le telecronache del campionato belga. Lui non nasce assolutamente mezzala, ora gioca in quel ruolo con buoni risultati grazie al genio di Giampaolo. All'Heerenveen il norvegese gioca in un centrocampo a tre, un 4-3-3 con le ali molto alte. La squadra punta sul possesso palla e Thorsby è un'arma in più, con l'abilità nel buttarsi dentro e nel fare male all'avversario giocando spesso venti metri più alto. Ekdal è un centrocampista con caratteristiche più difensive ma si assomigliano fisicamente.

Il salto dall'Eredivisie alla serie A resta notevole nonostante certi affinità tattiche. La ritengo un'operazione intelligente per un classe '96 con ulteriori margini di crescita, con le caratteristiche del centrocampista moderno, forza fisica, un arma in più per incidere sul gioco aereo. Una buona scommessa a parametro zero che la Sampdoria può vincere sul campo".

RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE SAMPDORIANEWS.NET