Ranieri: "Sceso nostro tasso aggressività hanno dilagato. Derby importantissimo"

28.02.2021 15:07 di Maurizio Marchisio   Vedi letture
Ranieri: "Sceso nostro tasso aggressività hanno dilagato. Derby importantissimo"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Intervistato dopo il match perso contro l'Atalanta dalla telecamera di Dazn, Claudio Ranieri ha spiegato le proprie scelte analizzando anche il gioco delle due compagini.

"La Samp l'ho vista nel primo tempo bene, il primo goal non è stata una disattenzione ma una giocata dei campioni dell'Atalanta. Sapevamo che dovevamo essere concentrati e attenti 90 e più minuti, perciò non vedo una nostra disattenzione ma proprio una loro giocata fatta bene. Noi abbiamo giocato la nostra partita cercando di far bene e di pressarli alti, di non farli ragionare. Ci siamo riusciti nel primo tempo, nel secondo meno, e poi è uscita la solita Atalanta, quando non la pressi loro ti asfaltano. Risultato giusto.

La differenza fra una squadra superiore con una grande cattiveria, noi finchè siamo stati determinati e cattivi abbiamo tenuto botta su botta ed abbiamo risposto bene, come sceso nostro tasso di aggressività loro hanno dilagato."

Perchè La Gumina - Verre? "Keita contro la Lazio non mi era sembrato così in grande forma, per cui è stato messo fuori perchè non mi era piaciuto con la Lazio, tutto qua. La Gumina è un nostro attaccante, è un giocatore che attacca molto lo spazio e si sacrifica molto per la squadra infatti finchè abbiamo fatto quello siamo stati in partita, uscito lui abbiamo perso un po' tutto.

Damsgaard è un ragazzo molto in gamba con grande personalità, molto giovane, deve migliorare nell'esperienza perchè può giocare sia da interno che da esterno, ha ampi margini di miglioramento proprio di conoscenza del calcio. Per il momento pensa molto alla fase offensiva anche se si applica molto nell'aspetto difensivo da esterno. Nell'aspetto difensivo da centrale di centrocampo ancora deve migliorare ma è un ragazzo che è un piacere allenarlo."

Lei ha detto che la sua squadra deve ancora fare 26 punti, non è un obbiettivo un po' troppo ambizioso? "Credo che se abbiamo fatto 26 punti all'andata l'allenatore debba richiedere almeno i 26 punti al ritorno, questo  è l'obbiettivo che ci siamo posti, quello di lottare sempre e di raggiungere 26 punti all'andata e 26 al ritorno. Vedremo quanto vicino ci andiamo. 

Derby? E' una partita importantissima proprio perchè ci sono due squadre che per il momento sono fuori dalle sabbie mobili della zona retrocessione, per cui sappiamo benissimo che per tutte e due le tifoserie è una partita che conta."