Ercolano: "Quando fui convocato col Milan quasi non ci credevo. Mi impegnerò per confermarmi agli occhi di Giampaolo"

22.03.2018 16:18 di Matteo Privitera   vedi letture
Ercolano: "Quando fui convocato col Milan quasi non ci credevo. Mi impegnerò per confermarmi agli occhi di Giampaolo"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Luigi Gasia/TuttoNocerina.com

Con la convocazione maturata per la partita contro il Milan a San Siro Emanuel Ercolano ha coronato un sogno. Il sedicenne delle giovanili blucerchiate ha raccontato a Samp Tv le emozioni provate quel giorno:

"Era un giovedì quando il nostro direttore ci chiamò alla linea difensiva del 2001 per andare su in prima squadra ad allenarci perchè al mister gli serviva una linea difensiva. Andammo lì e ci fecerò aspettare una mezzora quando, ad un certo punto, si infortunò Sala ed il mister chiamò me. Sabato nella rifinitura contro il Milan Giampaolo mi chiese se avessi la valigia e gli risposi di no...Quando fui convocato quasi non ci credevo".

"Entrare a San Siro è stato fantastico, quando ho visto la maglia appesa nello spogliatoio mi sono venuti in mente tutti i sacrifici fatti dalla mia famiglia per permettermi di arrivare fin qui. Ho pensato che il duro lavoro fosse stato ricompensato. Gli allenamenti in prima squadra sono molto diversi, l'intensità è molto alta. Giocando con loro vengo molto aiutato, avendo loro stessi più esperienza e mi sento parte di loro. A darmi molti consigli ci sono stati Barreto, Silvestre e Regini. In allenamento mi hanno impressionato parecchio Gaston, Quagliarella e anche Torreira". 

"Parlare e giocare con Quagliarella è un'emozione indescrivibile perchè per me è sempre stato un idolo venendo dalla mia stessa città. In questo periodo con la prima squadra credo di essere migliorato a livello mentale perchè allenandoti con giocatori di questo livello cerchi in ogni allenamento di rubare qualcosina da ognuno di loro". 

"Questo è il mio secondo anno in blucerchiato. Non avrei mai pensato di avere questa opportunità, per questo ringrazio mister e società. Ma il difficile viene adesso: mi impegnerò ogni giorno per confermarmi agli occhi di Giampaolo, cercando di dare il massimo tra U16 e U17 per guadagnarmi un posto in Primavera l’anno prossimo".