ViSamp: Farabegoli bada al sodo, i subentrati in campo a giochi fatti

06.12.2019 17:27 di Moreno Cavanna   Vedi letture
ViSamp: Farabegoli bada al sodo, i subentrati in campo a giochi fatti

In un Braglia immerso nella nebbia la Vis Pesaro subisce la nona sconfitta stagionale contro il Modena in una sfida dai due volti.

Dopo aver chiuso il primo tempo in vantaggio, la formazione guidata da Simone Pavan subisce la reazione degli emiliani, i quali grazie a tre reti nei primi 20’ della seconda frazione fissano il risultato sul 3-1.

Dopo la vittoria sull’Arzignano Valchiampo, l'ex allenatore della primavera blucerchiata conferma l’11 iniziale, eccezion fatta per Tessiore unico sacrificato in cambio di Misin. In avanti spazio alla coppia Grandolfo-Voltan. Pronti via e sono subito i padroni di casa a fare la partita, grazie alle incursioni centrali di Tulissi, abile a farsi trovare libero in zona offensiva e ad imbeccare i compagni con verticalizzazioni improvvise.

Nonostante il predominio territoriale dei gialloblù la Vis è brava a compattarsi e al 37’ passa in vantaggio. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo Gianola colpisce di prima un pallone vacante al limite dell’area e con un colpo alla Del Piero insacca sul secondo palo alle spalle di un incolpevole Gagno. Al duplice fischio la Vis torna negli spogliatoi meritatamente in vantaggio.

Nella seconda frazione la musica cambia totalmente. Il Modena rientra in campo con un’altra testa e parte subito fortissimo: frastornata dall’irruenza dei padroni di casa, la formazione marchigiana comincia ad incassare. Al 47’ Pezzella pareggia i conti con un missile dai 30 metri sotto l’incrocio.

6’ più tardi i gialloblu passano in vantaggio: Mattioli mette un bel cross a centro area e Davi stacca più in alto di tutti, trafiggendo un Bianchini lievemente indeciso in uscita. La Vis prova a reagire con un destro da fuori di Voltan, ma al 65’ i padroni di casa chiudono i conti con De Grazia, che insacca un destro debole sul quale l’estremo difensore vissino si fa trovare impreparato.

Il 3-1 scuote la formazione di Simone Pavan che ci prova subito con un batti e ribatti nell’area avversaria salvato sulla riga dalla difesa del Modena. Nel finale di partita i gialloblù congelano la partita e la Vis, nonostante le sostituzioni, non riesce ad invertire la tendenza.

Alla luce di quanto messo in mostra dalla sfida del Braglia, la Vis Pesaro sembrerebbe non aver ancora superato l’incostanza delle scorse settimane. In questo senso la prossima di campionato contro il Carpi, attualmente secondo in classifica, assume un’importanza cruciale: nelle ultime settimane la classifica sotto la compagine marchigiana si è notevolmente accorciata, con la zona play-out distante appena 3 punti dai 18 dei biancorossi.

Fra i blucerchiati in prestito l’unico a partire da titolare è Tommaso Farabegoli.

Il classe '99 disputa una gara diligente, senza badare troppo all’estetica quando la situazione lo richiede. Nessuno dei 3 goal subiti dalla Vis è direttamente imputabile ad un suo errore, ma in generale i marchigiani sembrano subire in maniera eccessiva le incursioni avversarie e i cross dal fondo, anche a causa dello scarso contributo del centrocampo in fase difensiva.

Difficile giudicare l’operato di Romei, Tessiore e Di Nardo. Gli ex- primavera blucerchiata subentrano a giochi fatti e nonostante l’impegno faticano a mettersi in luce e ad infastidire gli avversari.

Panchina per Gomes Ricciulli, ancora out Campeol causa infortunio.