SAMPDORIA MVP - Bereszynski, a testa bassa con la voglia di non mollare mai

04.11.2018 18:37 di Paolo Paolillo  articolo letto 1446 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
SAMPDORIA MVP - Bereszynski, a testa bassa con la voglia di non mollare mai

Nonostante la sconfitta bruciante e pesante, la Sampdoria può trovare nella partita di Bartosz Bereszynski una nota abbastanza lieta, in questo pomeriggio plumbeo in tutto, nel meteo e nel campo. Il terzino polacco si salva in parte dal naufragio della retroguardia, soffrendo e lottando come un leone. 

Indicativo l'episodio a metà della prima frazione, quando ingaggia un duello di diversi metri prima con Aina, che viene abbattuto a spallate, poi con Djidji che, di astuzia, si guadagna il fallo. Il modo in cui Bere ha caricato gli avversari, ossia a testa bassa, con la voglia di strappare e riconquistare la palla, ha letteralmente acceso lo stadio, che ha dato vita ad un coro feroce per diversi minuti, quasi a spronare i ragazzi in campo. Questo è anche un esempio di come - a volte - basterebbe poco per girare partite nate male. 

Al di là del singolo episodio, la crescita complessiva dell'ex Legia Varsavia è stata esponenziale. Fisicamente è tirato a lucido e corre moltissimi chilometri a partita. Tatticamente è migliorato tantissimo ed è bravissimo nelle diagonali. Tecnicamente dice la sua spesso e volentieri, e si spinge a supporto dell'azione offensiva quando può. Oramai, è un terzino completo e di livello, c'è poco da dire. Oggi, è stato letteralmente l'ultimo a mollare. Ripartire da lui e dalla sua volontà, di dimostrare e di migliorare.