Ranieri: "Vittoria per i tifosi. Qualità nell'ultima mezz'ora può fare differenza"

05.11.2019 00:06 di Moreno Cavanna   Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Ranieri: "Vittoria per i tifosi. Qualità nell'ultima mezz'ora può fare differenza"

Nel post-partita di Spal - Sampdoria, mister Claudio Ranieri ha analizzato ai microfoni di Samp TV la fondamentale vittoria ottenuta sul campo della formazione estense, in previsione delle prossime sfide di campionato:

“È una vittoria importante perché la squadra ha lottato come ha fatto contro il Lecce. Ha lottato fino in fondo e il risultato è arrivato pieno. Abbiamo sofferto il primo tempo sulla nostra fascia destra non riuscivamo a fermare Reca e ci entrava dentro molto molto volentieri. Nel secondo tempo i primi 15-20 minuti ci eravamo messi un pochettino troppo indietro, poi invece abbiamo ripreso coraggio e siamo andati a pressarli alti come avevo chiesto.  Poi proprio la forza nel risolvere la partita: abbiamo attaccato noi sulla destra per cui siamo entrati noi sulla destra e siamo riusciti a far gol. Questo è segno che i ragazzi cominciano a credere nel lavoro quotidiano nel lottare fino in fondo e ad accettare anche il risultato negativo, poi se è positivo tanto di guadagnato”.

Sul gioco: “Io mi devo salvare per cui ho bisogno di gente che corre e che lotta, poi certo lo so che la qualità fa la differenza, però quando tu magari pronti via metti la qualità e vieni sopraffatto e non ce la fai, dopo che metti? Invece se tu inizi, lotti, combatti e poi magari nel secondo tempo o nell'ultima mezz'ora fai dei cambi e metti la qualità allora ecco che quando gli altri sono stanchi la tua qualità può fare la differenza. E’ una vittoria per i tifosi, per noi e per il presidente.

Sul prossimo impegno: “E’ una Samp che sa che deve lottare fino in fondo, non siamo usciti dalle zone paludose. Adesso arriva una squadra che sta in salute, ha perso contro il Cagliari ma è una squadra che sa quello che vuole, che corre per 90 minuti, che ti pressa, che ti mangia vivo. Noi dovremmo fare veramente una gara superlativa se vogliamo fare una bella gara per i nostri tifosi, poi il risultato lo sappiamo ci può condannare però non ci deve condannare l'amor proprio, il sacrificio e il saper resistere a tutto”.