Nicolini: "Thorsby a uomo su Milinkovic la mossa ancora più decisiva"

18.10.2020 09:21 di Serena Timossi Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Nicolini: "Thorsby a uomo su Milinkovic la mossa ancora più decisiva"

Enrico Nicolini ha analizzato la vittoria blucerchiata ai danni della Lazio ai microfoni di Primocanale nel corso della puntata di Gradinata Sud:

"Nel ruolo specifico mancava solo l'esterno, dove ha giocato parolo perché poi le defezioni negli altri ruoli erano coperte da altri giocatori. Partita bellissima. Stranezze del calcio, questa Sampdoria venti giorni fa ha giocato col Benevento, oggi erano dieci undicesimi della squadra dell'anno scorso, eccetto Candreva, tra l'altro secondo me non nella sua migliore serata.

Parlando dei giocatori più qualitativi, sia Candreva che Ramirez non hanno fatto la loro migliore partita, invece la squadra ha giocato bene, ha concesso pochissimo, ha giocato da squadra. Una squadra che ci ha fatto diventare matti con il Benevento, ma ha vinto contro Lazio in questo modo. E' stata una serata stupenda. Secondo me ci sono state due mosse che hanno favorito questa prestazione: la prima di andarli a prendere alti e di non fare giocare i tre difensori da dietro, andandoli a prendere con i due esterni Jankto e Candreva. Con la marcatura di Ramirez su Leiva non avevano un punto di riferimento su cui giocare, dovendo ricorrere alle palle lunghe. La mossa ancora più decisiva è stata Thorsby su Milinkovic a uomo; Milinkovic si è visto pochissimo".

"Il risultato in molti casi cambia le aspettative - ha proseguito l'ex blucerchiato - dopo la vittoria di Firenze hai lavorato quindici giorni sereno e tranquillo. Si captava che comunque fosse cambiato qualcosa nello spogliatoio e questo aiuta. Il risultato ti fa allenare meglio, rischi più la giocata, hai meno paura".