Kownacki: "Sogno i mondiali da protagonista, ma devo guadagnarmeli"

10.01.2018 12:00 di Edoardo Figone  articolo letto 1421 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Kownacki: "Sogno i mondiali da protagonista, ma devo guadagnarmeli"

Con prestazioni di sostanza e qualità Dawid Kownacki, si è guadagnato le attenzioni del CT della Polonia e l'apprezzamento dei tifosi blucerchiati. Tradotto in numeri il polacco, in questa prima parte di stagione, ha messo a segno cinque reti in dodici presenze, ma si è distinto anche per la mole di lavoro e assist al servizio della squadra. Il numero 99 blucerchiato, ha parlato della sua esperienza in Italia, ai microfoni di www.polsatsport.pl:

Dawid, ha già imparato l'italiano? "Un po ', un po'. Non so se sto usando correttamente la grammatica, ma anche gli italiani si perdono in questo elemento della loro lingua. Sono sicuro di capire molto, soprattutto quello che mi dice l'allenatore quando mi dà indicazioni. Andrò anche al ristorante, ma non comunico ancora in modo fluente. Certo, sono un po' inibito dal fatto che ho due polacchi nello spogliatoio e spesso parlo polacco. Se fossi da solo, probabilmente imparerei l'italiano molto più velocemente".

Anche la tua conoscenza calcistica sta crescendo molto: " Sì, è vero, non sono una di quelle persone che lo nasconderebbero. Ho fatto alcuni errori, posso dirlo apertamente, perché ho capito cosa ho fatto di sbagliato e sono riuscito a cambiarlo. Va notato che ho iniziato a giocare a Lech molto presto, dove c'erano alcuni giocatori di 35 anni e ho dovuto imparare rapidamente, sono contento di averlo alle spalle e sono più ricco di queste esperienze".

Il tuo obiettivo è di andare ai prossimi Mondiali? "Se è possibile, voglio anche andare al campionato europeo U-21 dell'anno prossimo. Non so come andrà, ma se ci qualificassimo alle fasi finali, mi piacerebbe giocare questo evento. Di solito, quando inizio qualcosa, mi piace adempiere ai miei doveri fino alla fine e non lasciare le cose a metà".

Il selezionatore Nawałka invia segnali che conta su alcuni giocatori  delle giovanili per i prossimi mondiali:"Certo, è il sogno di ogni ragazzino. Rappresentare il mio paese ai Mondiali è uno dei miei sogni. Tuttavia, devi mirare ai sogni e compiere i prossimi passi verso di loro. Penso che solo i singoli premi possano darmi ancora più soddisfazione. So che è possibile per me andare in Russia e dirò ancora di più: non solo voglio andare lì, ma anche giocare questo torneo".