Boni e la maglietta figurina anni '70 per aiutare Genova: "Ci metto la faccia. Sono rimasto legato alla città"

12.09.2018 10:32 di Redazione Sampdoria News  articolo letto 1358 volte
© foto di Luigi Gasia/TuttoNocerina.com
Boni e la maglietta figurina anni '70 per aiutare Genova: "Ci metto la faccia. Sono rimasto legato alla città"

Loris Boni, intervenendo sulle frequenze di RMC Sport, ha analizzato il momento blucerchiato dopo essersi soffermato sulla maglietta basata su una sua figurina anni '70 messa all'asta per aiutare le famiglie colpite dalla tragedia del Ponte Morandi: "E’ stata fatta da un tifoso romanista che ha voluto disegnare questa maglia. Quando l’ho visto ho pensato subito che potesse risultare utile per la città di Genova e aiutare queste persone che hanno subito questo dramma. Ho giocato con altre squadre ma sono rimasto legato alla città di Genova e per questo ci metto la faccia e porterò direttamente al sindaco il ricavato della vendita di questa maglia. Contento che l’iniziativa abbia successo e coinvolga anche chi non è tifoso della Samp". Sull’inizio di campionato della Sampdoria "E’ partita con un passo falso, poi si è ritrovata con il Napoli. Una prestazione ottima, collettivamente parlando. Queste prestazioni ti danno la reale dimensione di cosa potrebbe fare. Spero che la Samp trovi la giusta dimensione, per fare un campionato oltre la tranquillità, che vuol dire dare fastidio alle squadre lì davanti. E’ stato creato un buon gruppo, ora serve dare continuità e concretezza al progetto".