ESCLUSIVA SN - M. Conte in "Con il Rosso non si passa": "Penso che domenica la Samp abbia la forza e il carattere per riprendere il cammino lasciato a Is Arenas"

Indimenticato baluardo difensivo blucerchiato. Opionionista di spicco per Sampdorianews.net.
15.03.2013 17:00 di Mirko Conte   Vedi letture
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport
ESCLUSIVA SN - M. Conte in "Con il Rosso non si passa": "Penso che domenica la Samp abbia la forza e il carattere per riprendere il cammino lasciato a Is Arenas"

La sconfitta di Cagliari credo che sia una battuta d'arresto e basta, anche perchè poi la Sampdoria ha dimostrato in questo ultimo periodo di essere in forma sia dal punto di vista fisico che mentale. E' uno scivolone e deve essere preso come tale e basta.

Penso che domenica abbiano la forza e il carattere per riprendere il cammino lasciato a Is Arenas. L'assenza di Gastaldello può aver inciso ma in maniera abbastanza relativa, perchè un solo giocatore non può altalenare il rendimento della difesa, anche perchè Delio Rossi nella fase difensiva fa partecipare tutta la squadra, non solo il pacchetto arretrato. Sicuramente Gastaldello a livello di carisma dava quel qualcosa in più, ma credo che non ha funzionato il discorso in generale, non solo la difesa.

I rinnovi di Obiang, Krsticic ed Eder? Io credo che sia la cosa migliore da fare. Quando segui una linea, un progetto, devi mettere le basi per poter dare la tranquillità a chi ne è partecipe e metterlo nelle condizioni di essere più sereno possibile. In questo modo la Sampdoria ha messo le basi, crede nel progetto che ha portato avanti e i risultati le stanno dando ragione. Credo che sia la cosa più giusta e più intelligente da fare.

Domenica arriva l'Inter, i ricordi in nerazzurro, anche se ci sono stato solo un anno, sono tanti. Io nell'Inter ci sono cresciuto, ho fatto tutto il settore giovanile e ritrovarmi a 20 anni a giocare in un campo dove pochi anni prima ero in curva a tifare sono comunque sensazioni che alla fine solo chi le prova può capire. Per me è stata una soddisfazione incredibile, è durata poco, ma quel poco che è durata me lo porterò dentro sempre.

L'Inter in questi ultimi anni è stata abituata a lottare per tutti i traguardi ed essere ai vertici. Quest'anno sta avendo un po' di difficoltà e Stramaccioni è preso un po' come capro espiatorio di una situazione che magari è più complessa di quanto si crede anche perchè poi se i risultati non vengono possono dipendere da tanti fattori, non solo l'allenatore. Purtroppo tutti i giocatori non si possono mandare via e allora si prende di mira il tecnico.

Stramaccioni ha preso un gruppo di campioni, credo che abbia avuto, e sta avendo, l'intelligenza, pur essendo l'allenatore giovane, di fare buonissime cose. Purtroppo i risultati non sempre coincidono con il lavoro svolto la settimana, ma questo non vuol dire che Stramaccioni non stia facendo un buon lavoro. Secondo me è un buon allenatore, così giovane, e riuscire a gestire un gruppo di giocatori di quel livello non è facile. Ha dimostrato di avere grande maturità.

Domenica a Marassi sarà una partita aperta perchè comunque l'Inter non può permettersi di sbagliare, quindi verrà a Genova per cercar di portar via il risultato e la Sampdoria altrettanto. E' vero che sulla carta i nerazzurri hanno della qualità che i blucerchiati non hanno, questo era abbastanza scontato, ma a volte la qualità per vincere non basta. Penso che la Sampdoria, con la spinta del pubblico, possa fare una bella partita.

Sono quei match che decifrare dall'inizio non è semplice, perchè entrambe le squadre vengono da una sconfitta e vorranno riprendere il cammino che hanno lasciato. Non dico nemmeno chi penso che vinca, perchè sono legato a tutte e due le squadre. Verrò a vedere la partita e me la gusterò dalla tribuna.