Varga insuperabile, Criscuolo buon esordio, Diaby debutta in Coppa del Re

"A farsi le ossa" è la rubrica settimanale che vi tiene aggiornati sulle prestazioni dei giovani blucerchiati in prestito nelle serie minori.
 di Lidia Vivaldi  articolo letto 1087 volte
Varga insuperabile, Criscuolo buon esordio, Diaby debutta in Coppa del Re

Bilancio nel complesso positivo per i giovani blucerchiati in prestito lontano da Genova. In Serie B pareggio in rimonta dell’Empoli che sul campo del Novara non va oltre l’1-1. Un punto che comunque consente ai ragazzi di Vivarini di restare saldamente in zona playoff e soprattutto a -3 dalla coppia di testa Bari-Parma. Ottima la partita giocata da Lorenco Simic che, con il ritorno in campo di Romagnoli, torna a coprire nuovamente la destra della difesa. Guida la retroguardia toscana con il carisma e la sicurezza del veterano, disinnescando senza problemi Ie folate offensive dei piemontesi nella sua zona di competenza. Come di consueto non perde occasione per rendersi pericoloso anche in fase offensiva, specialmente sulle palle inattive.   

In Serie C il Trapani vince lo scontro diretto contro il Catania 2-0 e sale a soli 3 punti dal Lecce capolista del Girone C. Antonio Palumbo consolida il suo ruolo di protagonista del centrocampo sfoggiando un’altra ottima prestazione mix di quantità e qualità. E’ proprio il giovane campano infatti che al 29’ serve l’assist che vale l’1-0, calciando dalla bandierina un pallone perfetto per la testa di Silvestri il quale non deve fare altro che appoggiare in rete. Sul 2-0 aiuta i compagni a contenere il ritorno degli avversari e mantenere il vantaggio fino al triplice fischio. 

Doppio impegno settimanale invece per l’Arezzo che ha anche accolto l’arrivo ufficiale del neo Presidente amaranto Marco Matteoni. Nella sfida di Coppa Italia contro il Livorno si vedono in campo tutti i blucerchiati in prestito in Toscana ma la sorpresa maggiore viene dal duo Di Nardo-Criscuolo. Il primo è protagonista fin dai primi minuti di gara. Con una grande progressione palla al piede parte dalla propria metà campo e arriva al tiro che produce il corner dal quale, lo stesso attaccante, confeziona il pallone che Sabatino trasforma per il provvisorio 0-1. Roberto Criscuolo trova invece finalmente il campo e non si fa trovare impreparato giocando un buona partita e sfiorando addirittura la segnatura su punizione con il pallone che termina di un soffio a lato.  

Sul fronte opposto, anche Sottil approfitta dell'impegno infrasettimanale per schierare chi ha finora giocato meno, assegnando a Cristian Hadziosmanovic e Denis Baumgartner una maglia da titolari, ed inserendo a gara in corso anche Andres Ponce. L'attaccante venezuelano ha tuttavia pochi minuti a disposizione per poter dimostrare le proprie qualità sotto porta, mentre Baumgartner si mette in evidenza con un'ottima prova, prendendo parte a quasi tutte le azioni più pericolose del Livorno, compresa quella del definitivo 2-1 di Montini.

L'impiego nella gara di Coppa Italia rivela all'ambiente livornese il valore dello slovacco, rimasto finora inutilizzato, e nel successivo impegno domenicale contro l'Arzachena si ripete la possibilità per Baumgartner di dimostrare essere all'altezza della categoria. Entrato a metà ripresa, è protagonista di due nitide occasioni, ma se nel primo caso si lascia ingenuamente anticipare da Ruzzittu, all'87' è lo stesso portiere a superarsi sulla sua conclusione al volo. 

Atila Varga somma invece soltanto 45 minuti in Coppa, ma viene schierato titolare nel vittorioso impegno di campionato contro il Prato 1-0. Il difensore slovacco non stupisce più ormai e inanella un’altra prestazione impeccabile. Dimostra sempre sicurezza e personalità nella normale gestione della fase difensiva ma non manca di farsi vedere anche davanti quando, nel finale di gara, anticipa tutti di testa su calcio d’angolo spedendo il pallone fuori di un niente. Una crescita esponenziale del ragazzo di Trebisov, punto fermo della squadra di Pavanel.

Analogo rendimento anche per Maxime Leverbe, pedina ormai irrinunciabile nella retroguardia dell'Olbia, che torna a far punti grazie al pareggio interno con la Lucchese. La sfida contro il rossonero De Vena richiede soprattutto un lavoro di lettura delle situazioni in cui il blucerchiato ben figura, non mancando inoltre di proporsi in avanti in occasione dei corner (al 39' un attento Albertoni gli nega il gol), e con alcune verticalizzazioni intelligenti per i compagni.

Esulta la Pistoiese di Giacomo Vrioni per la vittoria all'ultimo respiro nel derby casalingo contro la Carrarese. La gara, ricchissima di emozioni, resta a lungo in equilibrio sull'1-1 e nemmeno l'ingresso dell'attaccante ex Primavera, alla mezz'ora della ripresa, sembra riuscire a sbloccare il risultato, finché non tocca a Hamlili in pieno recupero regalare i 3 punti agli arancioni.

E' invece priva di colpi di scena la gara tra Ebro e Peralada, terminata sul punteggio di 0-0, in cui Bambo Diaby gioca oltre 70 minuti, ma la settimana del difensore senegalese è da ricordare per il debutto in Coppa del Re tra le fila del Girona, la formazione di Liga a cui il Peralada è affiliato. Chiamato in causa al 25' del primo tempo in seguito all'infortunio di Planas, il blucerchiato si sistema sulla sinistra nella difesa a tre di Machín, mettendo a disposizione della squadra il suo potenziale difensivo; in occasione del gol avversario interviene caparbiamente su Boateng in contropiede ma non può nulla su Morales, abile a recuperare il pallone al limite dell'area.

Infine, giornata sfortunata per Federico Bonazzoli. Schierato titolare nell’attacco della SPAL all’Olimpico contro la Roma, viene sostituito dopo appena venti minuti. Un’ingenuità di Felipe infatti costringe Semplici a dover sacrificare  il giovane attaccante per il centrocampista Mora in una partita subito compromessa e che poi porterà al 3-1 finale per i giallorossi.