Corazza regala la Serie B al Novara, Placido assistman per la salvezza, tre giovani ai play-off

"A farsi le ossa" è la rubrica settimanale che vi tiene aggiornati sulle prestazioni dei giovani blucerchiati in prestito o comproprietà nelle serie minori.
 di Lidia Vivaldi  articolo letto 1902 volte
© foto di Marcello Casarotti/TuttoLegaPro.com
Corazza regala la Serie B al Novara, Placido assistman per la salvezza, tre giovani ai play-off

La fine della regular season di Lega Pro, e le ultime giornate di Serie A e Serie B portano altri verdetti che interessano i tanti giovani blucerchiati impegnati in prestito o comproprietà lontano da Genova.

Mentre il Cesena di Massimo Volta saluta la Serie A con tre turni d'anticipo, uscendo sconfitto dalla gara interna con il Sassuolo, il Novara di Andrea Tozzo e Simone Corazza festeggia il ritorno in cadetteria, dopo un solo anno in Lega Pro, battendo di misura il Lumezzane e conquistando la promozione grazie al bilancio a suo favore negli scontri diretti con il Bassano. Contro i valgobbini, già matematicamente ai play-out, decide la rete di Corazza, che corona un campionato da protagonista con il suo dodicesimo gol, il più importante della stagione azzurra, battendo Furlan con un destro rasoterra dal limite dell'area al termine di un'azione personale. Sul fronte opposto è poco il lavoro per Tozzo, il quale risponde comunque presente quando viene chiamato in causa dagli attaccanti avversari.

Finale al cardiopalma anche per il Pordenone, arrivato all’ultima giornata da fanalino di coda, a -1 dalla diretta avversaria Albinoleffe, ospite proprio dei ramarri al Bottecchia. Protagonista della vittoria neroverde, insieme al marcatore Maracchi, è Mattia Placido, autore della splendida percussione sulla fascia destra che, dopo uno scambio con Fortunato, porta lo stesso esterno blucerchiato a servire l’assist vincente, ed inoltre rivelatosi provvidenziale a fine gara, con un salvataggio sulla linea su colpo di testa di Spinelli. L’1-0 condanna i lombardi, e consente alla squadra di Rossitto a giocarsi la permanenza in categoria negli spareggi contro il Monza, squadra in cui milita da gennaio l’ex Primavera doriano Caracciolo.

Sono inoltre ancora accese le speranze di promozione per altre due compagini che schierano tra le loro fila giovani blucerchiati in prestito: il Como di Rolando e Falcone affronterà il Benevento nel primo turno dei play-off, mentre il Pavia di Dejori se la vedrà con il Matera.

Coda di campionato senza emozioni, invece, per i blucerchiati del girone B, che chiudono la stagione tra sesto e quattordicesimo posto. Al Del Conero un Ancona a corto di motivazioni si congeda dal proprio pubblico con una sconfitta all’inglese contro L’Aquila; in campo anche Gianluca Sampietro, schierato titolare da Cornacchini per dare dinamicità alla mediana biancorossa. Chiude con una sconfitta anche il Pontedera, che si arrende per 2-1 al Santarcangelo in un match ininfluente ai fini della classifica. In terra romagnola parte dal primo minuto Mattia Lombardo, che sfrutta le sue doti per provare ad impensierire Nardi con tiri dalla distanza.

In Serie B il Bologna, alla prima con mister Delio Rossi, non va oltre il pareggio nello scontro diretto in chiave play-off contro l’Avellino al Dall’Ara. Alla rete ospite di Sbaffo risponde Buchel, abile a ribattere in rete una respinta di Frattali su tiro del doriano Nenad Krsticic, ma l'occasione per il vantaggio capita ad Acquafresca, il quale però, dal dischetto, si lascia ipnotizzare dal portiere biancoverde. Per il centrocampista serbo una prestazione in crescendo, anche se non pienamente sufficiente.

Delusione in quel di Pescara per il pareggio casalingo contro il Perugia, al termine di una gara che, dopo il 2-0 di Melchiorri al quarto d'ora della ripresa, sembrava saldamente in mano alla squadra di Baroni. Tra le note positive della gara, il portiere Vincenzo Fiorillo non ha responsabilità sui gol incassati, e fa buona guardia sui tentativi dei grifoni, rischiando soltanto in occasione di una respinta corta che per poco non favorisce Ardemagni.

Pesante passo falso per il Modena che, uscendo sconfitto per 3-0 dalla trasferta di Trapani, complica sul più bello una salvezza che sembrava ormai raggiunta. In Sicilia i canarini appaiono troppo rinunciatari, specialmente nella prima frazione, lasciando al Trapani campo libero per portarsi in doppio vantaggio. Nell'attacco modenese Francesco Fedato è uno dei pochi a creare apprensione dalle parti di Gomis, ma senza riuscire comunque ad incidere sulla gara.

Infine, nella Challenge League svizzera, una manciata di minuti per Andelko Savic nel 5-4 strappato dal Losanna sul campo del Wohlen.