ESCLUSIVA SN - Festa: "Ekdal ha caratteristiche differenti da Torreira ma giuste per quel ruolo, garantisce equilibrio. Murru..."

13.08.2018 18:26 di Diego Anelli   Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
ESCLUSIVA SN - Festa: "Ekdal ha caratteristiche differenti da Torreira ma giuste per quel ruolo, garantisce equilibrio. Murru..."

A pochi giorni dalla chiusura del mercato estivo stamattina ha sostenuto le visite mediche l'atteso rinforzo nel cuore del centrocampo. Albin Ekdal indosserà la maglia blucerchiata e ritrova mister Giampaolo già conosciuto ai tempi di Siena. Sampdorianews.net ha avuto il piacere di intervistare in esclusiva Gianluca Festa, uno degli allenatori del centrocampista svedese durante gli anni di Cagliari, con il quale ci siamo soffermati anche su un ragazzo che ha visto crescere, Nicola Murru:

Mister, Albin Ekdal ritorna nel nostro campionato. “Stiamo parlando di un ottimo centrocampista, un ragazzo intelligente, davvero in gamba. E' dotato di un buon fisico, un professionista molto serio, uno dei quei giocatori che ogni allenatore vorrebbe prendere, considerando anche l'aspetto umano”.

Non sarà semplice gestire la pesante eredità lasciata dal gioiello Lucas Torreira. “Sono convinto che possa fare una bella figura nel ruolo occupato benissimo da Torreira nell'ultimo biennio. Quella è la sua posizione, in ogni caso può ben disimpegnarsi anche come mezzala. Le loro caratteristiche sono diverse: l'uruguayano è più rapido e più leggero, anche Ekdal è dotato di buone qualità tecniche, è bravo a gestire il possesso palla davanti alla difesa, come del resto rientra tra le sue principali doti la capacità di rubare palla intuendo le traiettorie. Può far leva su un buon fisico, che gli consente di essere un fattore sulle palle alte, anche sul fronte offensivo”.

Ha avuto modo di conoscerlo in un momento nero del Cagliari, nel quale spesso e volentieri il carisma e la leadership emergono dalla massa. “Albin è un ragazzo molto serio, concentrato, sempre sul pezzo. Al mio avvento in prima squadra eravamo ultimi, c'era una situazione ambientale difficile a Cagliari. Fu tra i calciatori che mi diedero immediatamente una mano, non esita a prendersi responsabilità. Parliamo di un profilo umano e professionale di autentico spessore, è tra i ragazzi che mi sono rimasti più impressi. Sono contento che sia arrivato alla Sampdoria. Rispetto a Torreira ha caratteristiche differenti ma giuste per quel ruolo, un elemento in grado di garantire equilibrio”.

Ha avuto occasione di seguirlo durante il Mondiale disputato in Russia? “Sì, in diverse occasioni. E' sicuramente reduce da un gran bel mondiale, rientra tra i giocatori più esperti in una Nazionale che si è ben disimpegnata come la Svezia. Rispetto agli anni di Cagliari l'ho trovato ulteriormente maturato, ha accumulato esperienza internazionale. Non dimentichiamoci che aveva già calcato palcoscenici importanti, non a caso fu la Juventus a pescarlo da ragazzino. Sono convinto che possa far bene alla Sampdoria, me lo auguro anche per Nicola Murru al quale tengo in particolar modo”.

Da anni la Sampdoria è alla ricerca di un terzino sinistro di spessore e la scorsa estate ha effettuato un investimento di primo piano per assicurarsi Murru. “Nicola non è ancora riuscito ad esprimere al massimo il proprio potenziale. Per tecnica, fisico ed esperienza può raggiungere livelli molto elevati, me lo auguro di cuore. Può migliorare a livello mentale, di concentrazione. L'ho avuto a Cagliari sia nelle giovanili che in prima squadra, è stato condizionato da vari problemi fisici e il fatto di essersi allontanato dalla città dove è cresciuto e ha vissuto può averlo in parte influenzato nell'ultima stagione. Questo può essere il suo anno, sarà una stagione importante, ha i mezzi per rientrare nel giro azzurro dopo quanto mostrato nelle rappresentative giovanili. Ha le potenzialità per giocare in grandi palcoscenici”.

RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE SAMPDORIANEWS.NET