Sampdoria, Stankovic: "Chi non sa soffrire non sa gioire. Dobbiamo lottare e tutti devono essere pronti"

La Sampdoria espugna Cremona e ottiene il primo successo stagionale in campionato. Le parole post gara di mister Dejan Stankovic.
24.10.2022 21:26 di Serena Timossi Twitter:    vedi letture
Sampdoria, Stankovic: "Chi non sa soffrire non sa gioire. Dobbiamo lottare e tutti devono essere pronti"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Prima vittoria per la Samp in campionato, primo successo della gestione Stankovic. In conferenza stampa, il tecnico serbo ha elogiato i suoi ragazzi per avere saputo soffrire e reagire dopo un avvio in salita, conquistando tre punti pesanti che rimettono in gioco i blucerchiati nella corsa salvezza. 

Partita difficile, ma è arrivata la vittoria. "Partita tosta, soffertissima. Se entriamo nello specifico possiamo farlo a 360°. L'importante è la vittoria, i ragazzi ci hanno creduto fino alla fine, sapevamo che a decidere sarebbe stato un episodio favorevole. Un altro rigore dopo pochi minuti poteva portare la gara su altri binari. La Cremonese è un'ottima squadra, veloce e diretta. Andando sotto così presto avremmo lasciato troppo campo alle spalle. Complimenti ai ragazzi, chi non sa soffrire non sa gioire"

La partita l'ha cambiata lei con i cambi. "Ricordiamoci che la vittoria è di tutti, nel primo tempo abbiamo resistito con forza e non sottovaluterei tutti e quindici i giocatori scesi in campo. Io volevo vincere questa partita, cercavo il modo di cambiarla. Al 65' ho fatto cinque cambi perché la volevo vincere e dal 70' l'abbiamo messa sui binari giusti ed è arrivato il gol, giusto premio per i ragazzi"



Lo spirito di Colley rappresenta quello della squadra? "Noi sbaglieremo, nel calcio è normale. Ma conta dare tutto, essere concentrato e rincorrere la palla persa. Anche quando giocavo capitava che non riuscissi a fare qualcosa, ma l'atteggiamento non si può sbagliare. I ragazzi sentivano tanto la partita, per questo volevo vincerla e ho anche rischiato finendo i cambi al 70'. Sono rischi che ho preso per cambiare la stagione e dare una scossa. Si può vincere anche senza rischiare, ma io ora la vedevo così"

Oggi si sono visti anche alcuni giovani. "Dobbiamo coinvolgere tutti perché ci si gioca tanto, dobbiamo lottare e tutti devono essere pronti. Se oggi devo parlare di qualcuno dico Yepes e Amione, hanno avuto un impatto importante nella partita. Amione ha causato il rigore, ma sono cose che capitano, Yepes ha alzato il baricentro"

Cosa comporta questa vittoria? "Sottolineo prima di tutto che il pubblico è da 10 e lo è sempre stato, stasera sembrava di essere in casa e l'abbiamo sentito. Si vince e si perde insieme. Ai ragazzi ho detto che avremmo giocato anche dopo questa gara, bisognava solo farsi trovare pronti. Portiamo a casa tre punti ottenuti dopo tanta sofferenza e con gioia. È un buon punto di partenza, dobbiamo avere più certezze"