Ranieri: "Mi dispiace che non abbiamo mai tirato in porta"

20.02.2021 18:04 di Nicolò Varicosi   Vedi letture
Ranieri: "Mi dispiace che non abbiamo mai tirato in porta"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Claudio Ranieri si è presentato nella consueta conferenza stampa post partita per fare un'analisi dell'incontro con la Lazio.

Come aveva preparato la partita?"Non volevo far giocare la Lazio e mettere in condizione i miei tre attaccanti di sfruttare le proprie qualità. Lo abbiamo fatto a tratti, poi la Lazio ha trovato il gol con una seconda palla. Poi loro sono cresciuti molto, fino a che non l'abbiamo ripresa un po'. Mi dispiace che non abbiamo mai tirato in porta, anche se abbiamo tenuto la partita sempre viva. Peccato, ma esco dall'Olimpico a testa alta contro un'ottima squadra, che ha dei giocatori di qualità".

 Da cosa dipende la difficoltà sotto porta?"Non è un blocco psicologico, perché abbiamo segnato tanto, credo 33. Oggi ci è mancata la palla giusta per l'attaccante. Alcune volte siamo stati ribattuti perché la Lazio si chiudeva sempre bene. Non sono contento, perché abbiamo perso, ma soddisfatto".

Ci sono 13 punti di differenza tra la Sampdoria e la Lazio?"In prima battuta ti direi di no. La Lazio ha avuto qualche difficoltà iniziale, ma ora è tornata a volare.

L'obiettivo? Stiamo facendo un ottimo campionato, firmo per finire nella parte sinistra della classifica. Se possiamo migliorare ben venga, ma parlare di Europa è come prendere in giro i tifosi". 

I cambi nell'intervallo? Non era soddisfatto dell'interpretazione?"Eravamo con un 3-4-1-2 mascherato, con Candreva che andava in pressing molto alto. Poi ho cambiato per dare meno più spazio a Leiva e meno a Milinkovic. Thorsby ha avuto un po' di febbre". 

Ci sono stati un paio d'episodi da rigore..."Ho rivisto e non credo ci sia stato un fallo netto su Quagliarella. Va bene quello che decide il var".