Ranieri: "La squadra non si è disunita. Ora dobbiamo continuare a lottare ogni partita"

12.01.2020 18:02 di Paolo Paolillo   Vedi letture
Fonte: Tuttomercatoweb.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Ranieri: "La squadra non si è disunita. Ora dobbiamo continuare a lottare ogni partita"

Claudio Ranieri è soddisfatto per il successo sul Brescia, ma sa benissimo che una rondine non fa primavera ed è il solito concentrato di tranquillità e lucidità anche nella conferenza stampa post partita. L'allenatore romano, infatti, predica calma e allontana l'euforia per una vittoria che fa respirare ma non garantisce ancora di dormire sonni tranquilli: "Alla prima occasione ci hanno fatto gol. Ci ha svegliato. Meglio all'inizio che all'ultimo. La squadra non si è disunita, crede nei propri mezzi. Sono soddisfatto della prova e di cosa hanno fatto i ragazzi.

Voglio ringraziare Regini. E' il simbolo di questa Sampdoria. Non era mai stato preso in considerazione da me e si allenava alla grande. E' un grande esempio come Murillo, entrato bene negli ultimi dieci minuti. Questo dà ragione a me quando all'inizio ho detto che ho un ottimo gruppo. Ora dobbiamo continuare. Le sabbie mobili sono là, ci stiamo tirando fuori ma nulla è fatto.

Il mercato? Ho bisogno di un centrale difensivo di destra. Il presidente lo sa. Sono contento di questi ragazzi, sanno come la penso e come lavoro. Percepiscono sempre le mie idee. Certo, un difensore in più mi farebbe comodo".

Il buffetto a Vieira? E' un giocatore che sa cambiare gioco e gli dicevo quante volte lo ha fatto.

Nessuna partita è facile. La squadra è stata lucida e ha continuato a giocare. Ora ci aspetta la partita più difficile contro la squadra che sta toccando il cielo con un dito. Dall'80' in poi fanno gol, stravolgono i risultati. Sarà una partita difficile".

Quagliarella e Linetty? E' uno che è stato capocannoniere l'anno scorso. Tre mesi non ti fanno invecchiare improvvisamente. A Cagliari ha fatto un gol che solo lui e i grandi campioni sanno fare. Ora sta raccogliendo i frutti del lavoro giornaliero. Lui (Linetty, ndr) lo conoscete bene. Una volta che Linetty entra in squadra non lo toglierò più. Gabbiadini, fra oggi e Milano, ha sbagliato qualche gol di troppo? Oggi passa in cavalleria. Spero se li sia tenuti per la prossima.

Sono un positivo. Non mi aspettavo niente. Io mi aspetto gara dopo gara. Mi sono già messo dietro la partita di oggi e penso alla Lazio. Non guardo la classifica ora, la guarderò negli ultimi due mesi. Dobbiamo continuare a lottare in ogni partita".