Mixed Zone - Romei: "Sul finire la Samp perde motivazioni. Col Mister ci vedremo a fine campionato. Bisogna crescere a livello mentale"

12.05.2019 17:58 di Matteo Rosagni   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Mixed Zone - Romei: "Sul finire la Samp perde motivazioni. Col Mister ci vedremo a fine campionato. Bisogna crescere a livello mentale"

L'Avvocato Antonio Romei si è presentato nella Mixed Zone del 'Luigi Ferraris' di Genova, analizzando la gara odierna soffermandosi sul brutto trend che caratterizza i finali di campionato degli ultimi anni e tracciando le linee dei progetti per il futuro:

"Oggi è stata disputata una partita non all'altezza. Le motivazioni, che forse ora mancano, sono importanti, ma i ragazzi sanno che l'obiettivo è sempre finire al meglio. Purtroppo, anche prima della presidenza Ferrero, sul finire dei campionati la Samp perde le motivazioni, cosa che non deve succedere.

Alla squadra non si può rimproverare nulla, ha cercato di fare al meglio, però i risultati sono questi e quindi dobbiamo analizzarli per la futura stagione e per le prossime due gare: ci vuole un'inversione di tendenza.

Giampaolo non ha responsabilità in questo finale di stagione: l'analisi degli ultimi campionati dice che verso la fine la squadra non fa punti e questo non dovrà più succedere.

Col Mister ci vedremo a fine campionato e si faranno i programmi per il futuro. Il Mister ha la nostra fiducia, poi vederemo. Marco ha un altro anno di contratto e ha tutta la nostra fiducia, ci siederemo al tavolo con lui e valuteremo tutto.

Le voci sulla cessione societaria, che sono solo voci perché noi andiamo avanti, non credo proprio che influiscano in alcun modo sulle prestazioni dei giocatori.

Noi vogliamo alzare l'asticella, ma sappiamo che ci sono squadre con fatturati anche cinque volte superiori al nostro. Però squadre come l'Atalanta hanno dimostrato che si può stare più in alto in classifica al di là del proprio fatturato. Bisogna seminare per raccogliere, nel calcio non si fa nulla dalla mattina alla sera, stiamo già lavorando per la prossima stagione.

Per il salto di qualità bisogna crescere a livello di mentale, ci serve qualcosa in più per gestire e vincere partite magari ben giocate, ma poi perse. Ci vuole più mentalità: è una crescita da fare gradualmente. Però il grande lavoro fin qui fatto non deve essere messo in secondo piano.

Avere il capocannoniere è motivo d'orgoglio, però oggi più di tutto brucia la sconfitta".