ESCLUSIVA SN - "Dado Blucerchiato": "Andiamo in crisi alla prima difficoltà. Far rifiatare Quagliarella"

25.11.2020 09:21 di Corrado Tedeschi   Vedi letture
ESCLUSIVA SN - "Dado Blucerchiato": "Andiamo in crisi alla prima difficoltà. Far rifiatare Quagliarella"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport

Alti e bassi, anche sorprendenti questi bassi, dopo che la squadra si era assestata su un buon livello di prestazioni. È tornata indietro, senza un perché. 

Pesano le assenze: Augello con quella sua ingenuità a Cagliari ha creato un grosso problema, ormai è insostituibile nella rosa. Anche le mancanze del duo Gabbiadini – Keita, necessari a far rifiatare Quagliarella, che adoro ma l’età avanza e i cambi lo possono aiutare e in questa fase di assenza dei compagni, le prestazioni ne evidenziano il peso. Se Ranieri non ha fatto entrare Gabbiadini, vuol dire che non voleva rischiarlo.

Una partita strana, quella col Bologna. Buona nella prima frazione e brutta nella seconda. Poca cattiveria, quella cattiveria senza cui la Sampdoria non può andare da nessuna parte. Serve voglia. Sentiamo mister Ranieri che nel silenzio dello stadio urla ed esprime i suoi dettami, con l’idea di un pressing forsennato. Nel secondo tempo è mancato tutto ciò.

La sosta è maledetta, la odio. Si perde il filo, il ritmo di come si giocava prima. Spero nel veloce rientro dei giocatori che servono e ora mancano, possano alternarsi, specie davanti. Per il resto diciamo che con il Bologna i gol subiti ce li siamo fatti noi: sicuramente il primo ma anche il secondo pure. Non si può prendere gol così come il secondo, a un metro dalla porta. Grossi errori: non si può né far crossare l’avversario, né permettere un colpo così ravvicinato alla porta.

Tutto sommato il Bologna ha giocato, sicuramente meglio, ma diciamo che come a Cagliari, si è vista una squadra in fotocopia. Partite tranquille, ma alla prima difficoltà andiamo in crisi: questo non va bene. Ranieri cercherà sicuramente di correggere questo aspetto.

Arriva il Torino di Giampaolo: non se la passano benissimo. Vediamo di non rilanciarlo noi; ormai siamo famosi per rilanciare le avversarie in crisi… Il Torino sarà avversario complesso, non può mettersi una sconfitta. Se la Samp gioca come sa, può giocarsela tranquillamente. Abbiamo perso da due squadre medie, adesso vediamo di riprendere il cammino interrotto.

Il derby che arriva è ancora più strano del primo. Senza pubblico, poi nella Coppa Italia, così all’improvviso. È comunque derby, i giocatori lo sanno. Quando si scrivono i numeri statistici e si va a vedere di quanti derby è avanti la Sampdoria, non si può dimenticare che occorre considerare ogni derby importante. Lo aggiungi alla statistica se vinci. Sarà una partita da giocare, vedremo se Ranieri farà turnover, anche se penso di sì.

La Sampdoria potrà contare su Augello e Gabbiadini. Ho fiducia anche in Adrien Silva, mi piace molto, anche domenica lo avrei lasciato in campo, con un Ekdal così stanco. Purtroppo Keita non ci sarà ancora per un po’, ma sarà poi un recupero importante.

Thorsby è un colosso del centrocampo: un atleta sorprendente, una utilità pazzesca, recupera tutti i palloni, spizzica di testa. Non molla mai, forse ci vorrebbero undici Thorsby. Undici giocatori di questa fattura: il ragazzo è una scoperta di Ranieri, lo sappiamo, visto che prima non giocava. Il mister lo ha plasmato  non avrà i piedi di Maradona però non importa! C’è sempre, ora ha iniziato anche a far gol: davvero un grande giocatore, spero tutti i compagni si allineino alla sua voglia.

Manca, come sempre, il pubblico della Sampdoria… non un pubblico normale, ma speciale. Un grosso aspetto negativo, anche se va così per tutti e anche per noi. Rimbocchiamoci le maniche, e vediamo che succede!

RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE SAMPDORIANEWS.NET

© foto di Sampdorianews.net