Cessione Sampdoria, I. Bonetti: "Trattative possono finire bene o male. Se si farà matrimonio, sarà grandissimo"

Ivano Bonetti si è espresso sulla trattativa per la cessione della Sampdoria con la pista Al Thani introdotta da Di SIlvio.
30.09.2022 17:16 di Emanuele Massa   vedi letture
Cessione Sampdoria, I. Bonetti: "Trattative possono finire bene o male. Se si farà matrimonio, sarà grandissimo"
TUTTOmercatoWEB.com

Ivano Bonetti ha parlato dello stato di avanzamento della trattativa che lo vedrebbe coinvolto assieme a Francesco Di Silvio per l'acquisizione della Sampdoria:

"Io posso raccontare quello che so - ha detto a Radio Sportiva - quello che sento e quello che vivo in prima persona. È saputo, risaputo e confermato anche dallo stesso Vidal che c’è una trattativa con lo sceicco Al-Thani. Le trattative possono finire bene o male. Dipende sempre molto dalla situazione della società, dalla volontà di chi compra e dalla volontà di chi cede. Ma lo sceicco c’è e la trattativa esiste. Adesso bisognerebbe spegnere la luce e lasciare che tutti lavorino. Se sarà un matrimonio che si farà, sarà un grandissimo matrimonio perché il personaggio ha potenzialità gigantesche…

Su Di Silvio. "È un produttore molto serio, una persona che ha contatti molto grossi in giro per il mondo. Ma non è lui che compra la Sampdoria. Lui ha solamente introdotto una persona. Se questa trattativa dovesse andare in porto gli dovrebbero costruire un monumento. Io posso solo sperare che la Sampdoria vada in mano allo sceicco Al-Thani".

Sugli ex compagni dello Scudetto. "Tutti la seguiamo. Non solo Mancio, non solo Luca. Anche Mannini, anche Invernizzi che ci lavora dentro. Marco Lanna che sta facendo un lavoro meraviglioso che sta battagliando se non dico solo, quasi. Perché poi il vero uomo di calcio è lui che ha a che fare però con altri dirigenti che si dovrebbero occupare di altre cose. Purtroppo a volte il calcio annebbia la testa a gente che vuole dire la sua sotto il punto di vista calcistico e che invece dovrebbe pensare ad altre cose…".