Schick in Bundesliga: "L'attesa la cosa peggiore. Le motivazioni per giocare non mancano"

19.05.2020 18:19 di Matteo Privitera   Vedi letture
© foto di Insidefoto/Image Sport
Schick in Bundesliga: "L'attesa la cosa peggiore. Le motivazioni per giocare non mancano"

E' ripartita con un pareggio contro il Friburgo l'avventura di Patrik Schick con il Lipsia. Il ceco ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Isport Premium, esternando le sue emozioni per la ripresa del campionato:

Sulla ripresa dalla Bundesliga: "L’attesa è stata la cosa peggiore. Nessuno sapeva quando sarebbe ricominciato. Le date venivano costantemente posticipate, mancava un punto di riferimento a cui potessimo aggrapparci. Quando gli allenamenti normali sono ripartiti e finalmente sapevamo che avremmo iniziato a giocare è stato bello. Ciò non toglie che non è ancora come prima della pausa. Le restrizioni sono limitanti"

Sul protocollo da seguire per la ripresa: "Quando vivevamo in hotel, tutti dovevano fare una doccia e cambiarci in camera dopo l’allenamento. Ovviamente abbiamo vissuto in stanze singole. Inizialmente, ci siamo allenati in gruppi, ed era lontano dalle modalità classiche. È stato fino all’ultima settimana prima del campionato, quando poi potevamo stare tutti insieme"

Gli stadi vuoti: "La sensazione di uno stadio pieno è irripetibile, ci mancano i nostri tifosi. Le motivazioni per giocare non mancano, lo facciamo per i nostri contratti. Inoltre avendo iniziato per primi le nostre partite sono molto seguite. Tutto l’interesse del mondo è concentrato sulla Germania e per molti diventa un’opportunità per mettersi in mostra"