SAMPDORIA MVP: Caputo mette in luce le sue qualità ed è l'ultimo a mollare

27.10.2021 21:13 di Moreno Cavanna   vedi letture
SAMPDORIA MVP: Caputo mette in luce le sue qualità ed è l'ultimo a mollare
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Nonostante la sconfitta piuttosto netta subita dalla Sampdoria, è impossibile non constatare come Ciccio Caputo abbia disputato una gara di tutto rispetto, mettendo in luce tutte le sue qualità al popolo blucerchiato.

Già dopo 10' l'ex Sassuolo è bravissimo a raccogliere il suggerimento centrale di prima di Candreva e ad effettuare una bella sponda su Thorsby lanciandosi, successivamente, in profondità a raccogliere il suggerimento di ritorno del centrocampista norvegese. E' qui che Caputo riesce a dare sfogo a tutte le sue migliori caratteristiche calcistiche: smarcamento, rifinitura di gioco, movimento in profondità e cinismo di fronte al portiere.

Già, cinismo; perché Caputo, dopo un movimento da attaccante navigato, è ottimo anche nella gestione emotiva dell'uno contro uno con Musso. Trovarsi di fronte ad un portiere ben piazzato fisicamente che cerca di chiudere lo specchio non è certamente facile a questi livelli, ma il numero 10 blucerchiato è stato bravissimo a mantenere la calma e la lucidità e a trafiggere l'estremo difensore argentino con un mancino chirurgico. 

Al 36' Caputo è ancora una volta bravissimo a raccogliere un suggerimento centrale di Gabbiadini e tentare uno scavino per superare Musso, ma, in questa occasione, Musso vince la personalissima sfida fra attaccante e portiere, allontanando addirittura col volto la minaccia dell'avanti doriano.

In avvio di secondo tempo, l'ex Sassuolo ci prova ancora un paio di volte, ma non riesce prima a concludere col mancino, trovando l'esterno della rete, e poi a sfruttare un'indecisione di Musso col pallone fra i piedi. 

La sensazione, per il momento, è quella che Caputo possa rappresentare il riferimento avanzato ideale per questa squadra. D'Aversa dovrà essere bravo a trovare una conformazione giusta per l'attacco blucerchiato, tentando di far convivere il numero 10 con Quagliarella e Gabbiadini.