Eriksson: "Veron voleva sentirsi importante. Alla Samp non c'era gelosia fra leader"

04.04.2020 10:48 di Emanuele Massa   Vedi letture
© foto di Imago/Image Sport
Eriksson: "Veron voleva sentirsi importante. Alla Samp non c'era gelosia fra leader"

Sven Goran Eriksson ha rilasciato un'intervista a The Athletic rispondendo a una domanda sul rendimento non all'altezza delle aspettative di Juan Sebastian Veron negli anni trascorsi in Inghilterra:

"Credo che per Veron - le sue parole tradotte da Sampdorianews.net - fosse fondamentale sentirsi un giocatore importante. Alla Sampdoria non è mai stato un problema. Neanche alla Lazio è stato un problema, perché Mancini non era geloso degli altri leader. Mancini, Verón e Mihajlović erano tutti buoni amici. Non c'era gelosia tra loro".

"Forse è difficile diventare un giocatore importante quando giochi nel Manchester United. Tutti sono giocatori importanti all'Old Trafford. Non so se questo sia il motivo, ma sono rimasto molto sorpreso dal fatto che non abbia avuto molto successo in Inghilterra".