Bereszynski: "Torneremo presto alla nostra posizione abituale. Linetty leader"

21.01.2020 10:44 di Emanuele Massa   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Bereszynski: "Torneremo presto alla nostra posizione abituale. Linetty leader"

Tornato titolare sulla fascia destra difensiva dopo l'infortunio, Bartosz Bereszynski ha rilasciato una lunga intervista a sport.pl toccando diversi temi di attualità blucerchiata:

All'inizio della stagione si pensava che la tua posizione alla Samp fosse incerta. "Mi sono già abituato - le sue parole tradotte da Sampdorianews.net - Queste voci sul mio conto non sono nuove. Si diceva che un compagno avrebbe potuto soffiarmi il posto o che avrei potuto lasciare il club. Non è successo niente del genere. Ecco perché prendo sempre con le pinze cosa dice la stampa. Sono sempre stato in grado di conquistare il posto da titolare. Anzi, Fabio Depaoli del Chievo è arrivato nel club prima della stagione. Eravamo io e Jacopo Sala. Mi concentrai sulla competizione e dopo alcuni giorni di campo, ancora sotto Eusebio Di Francesco, ricevetti un segnale che l'allenatore contava su di me, voleva che giocassi. Alla fine, Sala è andato SPAL, e non sono mai stato messo da parte, nemmeno per un momento".

Di Francesco se ne è andato presto. Hai giocato male. Il club era in fondo alla classifica. Giocare in un sistema con tre difensori non ha funzionato per te. "È difficile da dire. Prima di tutto, non voglio dare la colpa all'allenatore, perché soprattutto i calciatori dovrebbero prendersi la responsabilità dei risultati. Eravamo delusi, forse eravamo un po' distratti. Ad ogni partita abbiamo cambiato l'impostazione tattica. Io questa cosa l'ho sentita in particolare, perché nel club giocavo al centro della difesa, mentre in Nazionale a sinistra. Da nessuna parte giocavo nel mio ruolo naturale. Mi ero perso, non sapevo bene cosa stesse succedendo, dal momento che non potevo mostrare il mio potenziale. Non è stato facile".

Ti sentivi frustrato? "Un po'. Mi sentivo molto bene fisicamente in quel momento e non potevo farlo vedere completamente. La poca esperienza in quella posizione è emersa: movimenti, automatismi o decisioni. Di Francesco mi ha spiegato che aveva bisogno di me nel mezzo dove non avevo mai giocato prima. Non avevo molta scelta. Potevo prenderla male o imparare: ho scelto quest'ultima opzione. 'Fare nuove esperienze': è così che l'ho spiegato".

L'anno passato è stato piuttosto turbolento. Cominciamo con i cambiamenti alla Samp. Claudio Ranieri ha sostituito Di Francesco. "Italiano, ma con zelo inglese. Ci alleniamo molto duramente durante la settimana. Corriamo otto chilometri in ogni allenamento, che è quasi uguale a quanto corriamo in partita. La preparazione fisica - dinamica, forza e velocità - deve essere ai massimi livelli. Lo associo all'intensità della Premier League. L'allenatore ha rinunciato un po' alle sue tattiche. Innanzitutto, si è concentrato sulla difesa. Siamo tornati a giocare quattro. Anche il centrocampo è un po' più ampio, con Linetty e Jankto che corrono ai lati. Di fatto sono centrocampisti, ma fanno bene in quella posizione. La prova è la partita contro il Brescia, in cui hanno segnato. Per Ranieri, dovevamo mostrare disciplina, impegno e preoccupazione per non commettere errori stupidi. Ciò ha portato a risultati migliori. A novembre e dicembre abbiamo disputato cinque partite senza subire reti. È vero che ora abbiamo subito una brutta sconfitta con la Lazio, ma loro sono in gran forma. Non siamo ancora in forma ottimale, ma ci siamo scossi e stiamo facendo progressi. L'allenatore ha anche dichiarato in conferenza che la squadra ha bisogno di rinforzi al centro della difesa. Probabilmente in questa finestra verranno eseguite alcune mosse di mercato. Ecco perché sono ottimista. Dovremmo tornare presto alla nostra posizione abituale".

Per te personalmente, la fine del 2019 è stata associata a problemi fisici. "Sì, durante il ritiro della squadra, si è scoperto che il mio menisco era leggermente rotto. Una strana ferita, perché all'inizio mi ha fatto male, non troppo, in un punto completamente diverso. Potevo allenarmi, ero pronto a giocare nella partita contro la Slovenia. Per fortuna il dottor Jaroszewski mi ha fatto eseguire un esame più approfondito. Ero convinto che tutto andasse bene, quindi i risultati furono in un certo senso un brutto colpo. Sono contento che sia andata così, perché avremmo potuto parlare di una lesione molto più grave, ad esempio una rottura del legamento. La riabilitazione è andata molto bene. Il ginocchio è completamente sano. A sei settimane dall'intervento ho già giocato nella partita contro il Milan".

Nelle ultime settimane, Karol Linetty ha giocato molto bene. "Il suo attuale ruolo può essere paragonato a quello di Zieliński a Napoli ai tempi di Ancelotti. Karol sta davvero bene lì, può accentrarsi per fare spazio ai terzini. Ha anche dimostrato, non per la prima volta, di poter segnare. È uno dei leader della Sampdoria e spero che tornerà in nazionale a marzo. Tutto dipende da Karol: se continua a giocare come fa adesso, non riesco a immaginare di non vederlo in Nazionale a marzo. Ha le capacità. Tutto quello che deve fare è avere una possibilità dall'allenatore e convincerlo".

Ranieri si fida di lui. In alcune partite indossa la fascia da capitano. "Esatto. Il primo capitano è Fabio Quagliarella, il secondo è Albin Ekdal, quindi se entrambi mancano in campo, Karol mette la fascia. Io sono il quarto. Karol è da molto al club, ha molta esperienza. La sua posizione mostra come viene trattato qui. Era un ragazzo venuto dall'estero, ha rafforzato la sua posizione e ha ottenuto molto rispetto. Doveva ottenerlo con i valori mostrati sul campo e fuori".