Audero: "Sono un giocatore della Samp a tutti gli effetti e ne sono molto contento"

13.06.2019 17:54 di Emanuele Massa   Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Audero: "Sono un giocatore della Samp a tutti gli effetti e ne sono molto contento"

A soli tre giorni dall'inizio degli Europei Under 21, i tre portieri convocati da mister Di Biagio per la manifestazione hanno incontrato i giornalisti in conferenza stampa.

Naturalmente era presente anche Emil Audero che ha risposto a diverse domande, come riportato da tuttomercatoweb.com.

Come vivete l'assenza di un titolare? "C'è un ottimo rapporto, l'amicizia tra di noi aiuta molto e quando c'è questa base aiuta a dare il meglio e a vivere serenamente la questione"

Meglio o peggio non sapere chi sarà il titolare? "Da un lato se uno lo sa prima è meglio per potersi preparare meglio, ma allo stesso tempo sapendo che è tutto da definire uno cerca sempre di dare ancora di più in allenamento. Bisogna prenderla dal lato giusto".

Tutto esaurito per domenica. Questo vi mette più pressione? "Da piccolo speravo di indossare la maglia azzurra e ora è giusto vivere questo momento: a prescindere da come andrà è una bellissima esperienza".

Come arriviamo alla partita d'esordio? Cosa temete di più della Spagna?  "Abbiamo studiato bene i nostri avversari, che hanno buone qualità nel palleggio e ottimi finalizzatori. Dobbiamo provare il giusto rispetto ma forti delle nostre caratteristiche".

È importante aver giocato così tanto nei club? "Certamente. Più uno gioca, più uno prende confidenza con sé stesso. Arrivare con una buona forma fisica è importante per convincere il ct".

Avete tutti grande spazio nei club, soprattutto voi tre. "Anni fa si diceva che non c'erano giovani italiani in Serie A, adesso è impossibile dirlo. Abbiamo cambiato rapidamente ed è un punto a favore del calcio italiano. Noi 23 siamo l'esempio, abbiamo un minutaggio medio alto più o meno tutti. Anche aver giocato con le Under mi ha dato un'esperienza internazionale che mi ha aiutato a crescere. Bisogna continuare su questa strada".

Che effetto ti fa il fatto che la Juve si sia lasciata una porta per riprenderti? "Io ora penso alla Nazionale, all'Under 21. E per ora sono un giocatore a tutti gli effetti della Samp e ne sono molto contento. Spero di fare un altro anno buono come questo. C'è una finestrina per la Juve però son sincero: non ci penso più tanto".