ESCLUSIVA SN - "Con il Rosso non si passa": "Carattere da abbinare alla qualità. E' sempre il gruppo ad esaltare il singolo"

07.05.2016 00:08 di Mirko Conte   Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
ESCLUSIVA SN - "Con il Rosso non si passa": "Carattere da abbinare alla qualità. E' sempre il gruppo ad esaltare il singolo"

La matematica non è ancora arrivata, ma non credo che la Sampdoria abbia problemi in ottica salvezza. Ora arriva il derby, una partita difficile, nella quale i valori si azzerano, si va oltre la classifica, fare risultato porterebbe la salvezza matematica come automatica conseguenza e darebbe un motivo per sorridere al termine di un campionato atipico, caratterizzato inoltre dal cambio di allenatore.

La Sampdoria ha disputato un campionato anonimo, in certe fasi dell'annata non ha lottato per nulla, difficile ritrovare un certo spirito quando si inizia una stagione con obiettivi ben diversi, risulta più complicato recuperare motivazioni, anche se indossare la maglia della Sampdoria dovrebbe da sola bastare per scendere in campo con voglia e determinazione. Risultava fondamentale cambiare mentalità.

Un allenatore come Montella ha bisogno di partire dalla preparazione estiva, avendo pertanto a disposizione il tempo per svolgere un lavoro mirato in base alla propria idea di gioco, in questa stagione la squadra ha incontrato difficoltà ad assorbire il cambiamento. È normale che i tifosi siano un po' delusi viste le aspettative iniziali, ma sono sempre stati al fianco della loro squadra, come al solito e hanno fatto la differenza.

Pochi giorni fa alcuni tifosi mi hanno scritto ricordando quel famoso Sampdoria – Messina 2-1 del 5 maggio 2002, a quei tempi eravamo in serie B, contesti diversi dentro e fuori dal campo con il serio rischio di retrocessione, ma i giocatori con maggiore temperamento e carattere riuscirono a trascinare gli altri compagni verso 3 punti vitali e una salvezza ad un certo punto diventata complicatissima.

Viviano sta disputando una grande stagione, al di là dei numerosi rigori parati ha dimostrato tutto il proprio valore, se la Sampdoria è già arrivata a quota 40 punti è merito anche del suo portiere che le ha tolto parecchie castagne dal fuoco. Risulta difficile pronosticare un uomo derby che possa risolvere la gara, in quanto pongo la prestazione della squadra e il gruppo sempre davanti al singolo, ricordando i derby da me vissuti come non citare la stracittadina decisa da me e Zivkovic, spesso sono i giocatori che non ti aspetti a fare la differenza.

È sempre il gruppo ad esaltare il singolo dotato di quel valore aggiunto, ad esempio Soriano, in qualità di capitano e giocatore tecnicamente valido richiesto dalle big mi attendo da lui un importante contributo. È fondamentale poter contare su giocatori come Palombo che possano vantare alle spalle numerosi derby, anche se quest'anno ha giocato poco è uno di quegli uomini che si fanno sentire nello spogliatoio, sempre pronti a spronare i compagni. Non esiste sistema di gioco più adatto di un altro per aggiudicarsi il derby, conta quello che si riesce a mettere in campo in termini di energie, carisma, carattere, la capacità di mettere in pratica quanto richiesto dal mister a livello di mentalità e disponibilità al sacrificio.

Se il carattere viene abbinato alla qualità allora si raggiunge l'obiettivo, sono due elementi che devono sempre procedere a braccetto, soprattutto in un'occasione come il derby.