Rocca parte bene alla Feralpisalò, Palumbo sempre affidabile, buona la prima per Falcone

"A farsi le ossa" è la rubrica settimanale che vi tiene aggiornati sulle prestazioni dei giovani blucerchiati in prestito nelle serie minori.
30.01.2018 18:50 di Andrea Vazzoler  articolo letto 4365 volte
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
Rocca parte bene alla Feralpisalò, Palumbo sempre affidabile, buona la prima per Falcone

In pieno calciomercato, tante sono le trattative che interessano anche i giovani blucerchiati. A trarre beneficio da una di queste, è stato sicuramente Michele Rocca che, passato alla Feralpisalò in serie C, ha trovato da subito campo e qualità di rendimento. Il centrocampista scuola Inter infatti viene nuovamente schierato titolare da mister Serena nella trasferta di Fano, e ripaga la fiducia con una buona prestazione di qualità e personalità. La squadra lombarda torna dalle Marche con un solo punto mantenendo la seconda piazza in graduatoria del Gruppo B insieme a Renate e Sambenedettese, ma gli auspici per il prosieguo di stagione sono buoni con tanti giovani alla ricerca di riscatto, tra cui anche Andres Ponce, che nella trasferta marchigiana mette insieme i primi minuti in maglia verdeazzurra.

Nel Girone A, l’Arezzo esce sconfitto 2-1 a Piacenza scivolando a metà classifica ma rimanendo tuttavia a due punti dalla zona playoff. Lo slovacco Atila Varga è sempre più leader nella squadra amaranto e mister Pavanel gli affida la guida del reparto difensivo. Il giovane difensore, al centro anche di diverse voci di mercato per un salto di categoria, mostra l’esperienza del veterano nell’interpretare il ruolo di fulcro della difesa anche se meglio in fase di marcatura che di costruzione del gioco.

Porta fortuna al Gavorrano la prima presenza del portiere blucerchiato Wladimiro Falcone, girato alla società toscana dopo i sei mesi di prestito al Bassano. Al Franchi di Siena i rossoblu, fanalino di coda del girone, strappano a sorpresa un prezioso pareggio contro la seconda in classifica, rimontando nel finale lo svantaggio grazie ad un rigore trasformato da Damonte. Tra i pali dei maremmani Falcone dimostra subito le sue qualità disinnescando la prima insidiosissima occasione da gol di Marotta al 2', e facendo buona guardia per tutti i 90 minuti. Può fare poco, invece, sul gol subìto a metà ripresa, quando un batti e ribatti nel cuore dell'area mette in difficoltà l'intera difesa, che concede proprio a Marotta lo spazio per realizzare il momentaneo 1-0.

Inaspettato stop anche per il Livorno capolista, sconfitto al Picchi da un'Alessandria reduce dalla lunga serie di successi consecutivi in campionato che ha rilanciato una stagione partita in sordina. Ai grigi bastano 8 secondi per trovare la rete con Gonzalez, servito dai compagni in soli tre passaggi dal calcio d'inizio, e la squadra di Sottil non riesce nell'arco dell'intera gara a rimontare lo svantaggio incassato a freddo. Partito titolare in maglia amaranto, Denis Baumgartner prova nelle battute iniziali del match a costruire qualche palla-gol, ma la sua posizione in campo arretra progressivamente e la verve dello slovacco va spegnendosi fino alla sostituzione nella ripresa.

Tra le toscane, la sconfitta esterna della Pistoiese contro il Pro Piacenza dà un'ulteriore conferma del principale difetto mostrato finora dalla squadra arancione: la mancanza di continuità. Dopo la vittoria nel derby con l'Arezzo gli uomini di Indiani si presentano al Garilli con poche idee di gioco, e non riescono quasi mai a rendersi pericolosi dalle parti di Gori. Lasciatosi alle spalle l'incomprensione con l'allenatore del turno precedente, il blucerchiato Giacomo Vrioni torna in campo dal primo minuto, ed avrebbe già all'11' l'occasione per far male, ma il suo sinistro da posizione defilata esce di pochissimo, mentre nel finale prova a finalizzare un buon assist di Surraco bruciando in velocità i marcatori emiliani, la palla però si impenna troppo sfiorando la traversa e perdendosi sul fondo.

Nel Girone C il Trapani strapazza la Juve Stabia per 3-1. La squadra di Alessandro Calori occupa saldamente la terza posizione ma rimane lontano 9 lunghezze dal Lecce capolista che ormai sembra imprendibile. Solita prova di quantità e qualità per il centrocampista Antonio Palumbo che al lavoro di interdizione alterna quello di costruzione ma è al 30’ che il giovane napoletano fa alzare tutti in piedi sfiorando il gol del 2-1;  dopo un’azione manovrata sulla destra infatti, la palla arriva al blucerchiato che, poco sopra il dischetto del rigore, calcia a botta sicura di esterno destro facendo la barba al palo.

Dopo il trasferimento di gennaio si riconferma subito titolare Cristian Hadziosmanovic, schierato dal primo minuto nella trasferta della Reggina in quel di Matera. Mister Maurizi affida nuovamente all'esterno scuola Milan l'intera fascia destra, ma se nella fase offensiva è più efficace, e fornisce una spinta importante alla manovra d'attacco, qualche difficoltà in più emerge nella fase difensiva, ancora da perfezionare. Il pareggio maturato contro i lucani, sesta forza del girone, soddisfa la Reggina, che si mantiene nel gruppo di centro classifica a +3 sulla zona playout

In Serie A, la Spal di Federico Bonazzoli raccoglie un ottimo punto 1-1 contro l’Inter a testimonianza del carattere dei ferraresi decisi a mantenere la categoria. Nei minuti finali mister Semplici inserisce l’attaccante di Manerbio e la sua scelta si rivela azzeccata perchè i biancoblù si riversano in avanti e trovano il gol del pareggio proprio nei minuti di recupero.

Infine, all'estero, Bambo Diaby si conferma sempre più perno del Peralada, di cui indossa anche la fascia di capitano nella sfida casalinga contro l'Elche. Nonostante la mezz'ora abbondante di inferiorità numerica, gli Champaneros costruiscono una vittoria importante per il morale e la classifica, difendendo con ordine il gol segnato nei primi minuti. Il roccioso difensore blucerchiato dirige bene il reparto arretrato e prova a mettere in apprensione il portiere avversario facendo valere il fisico anche in occasione dei calci piazzati.