A FARSI LE OSSA IN TOUR: il Perugia concede il bis a Livorno, Verre ancora in gol

05.11.2018 16:54 di Emanuele Massa  articolo letto 930 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
A FARSI LE OSSA IN TOUR: il Perugia concede il bis a Livorno, Verre ancora in gol

Seconda vittoria consecutiva per il Perugia, che dopo il 3-2 contro il Padova di cui vi avevamo parlato settimana scorsa, sconfigge con lo stesso risultato anche il Livorno all’Armando Picchi.

Dopo la buona prestazione contro i veneti, Valerio Verre si ripete, rivelandosi decisivo per la squadra di Alessandro Nesta, in una partita caratterizzata da sorpassi e contro-sorpassi. Sono stati proprio gli umbri a portarsi in vantaggio per primi, con Melchiorri che al 13’ ha trafitto il portiere amaranto Mazzoni con un violento destro a mezz’altezza dal vertice sinistro dell’area di rigore. La reazione del Livorno non si fa attendere e in soli otto minuti il risultato viene addirittura ribaltato da una doppietta di Diamanti: prima con un sinistro dal limite dall’area piccola e poi con un calcio di rigore assegnato per l’atterramento di Agazzi da parte del portiere biancorosso Gabriel.

Il punteggio viene nuovamente riportato in parità dagli umbri al 7’ della ripresa, ed è proprio Verre, inseritosi centralmente in area piccola, a battere nuovamente Mazzoni con un colpo di testa ravvicinato su assist di Melchiorri. La partita rimane piacevole, con occasioni da entrambi i fronti, soprattutto sui piedi di Diamanti per i toscani e Vido per gli umbri. L’episodio decisivo arriva al 29’, quando Dainelli intercetta un cross proveniente dalla destra con il braccio, e l’arbitro Abbattista non esita a decretare il calcio di rigore per il Perugia, trasformato con freddezza dallo stesso Vido. La reazione degli amaranto, colpiti due minuti dopo anche dall’espulsione del portiere Mazzoni per proteste, si limita a due occasioni con Fazzi e il solito Diamanti.

Ottima prestazione in mezzo al campo dunque per Verre, per il quale va segnalato anche un cartellino giallo ricevuto al 15’ della ripresa per proteste. I ragazzi di mister Nesta salgono quindi a quota 14 in classifica, lasciandosi alle spalle la zona calda del campionato cadetto.