Ranieri: "Fino all'espulsione avevamo il controllo della partita"

07.11.2020 17:34 di Corrado Camera   Vedi letture
Ranieri: "Fino all'espulsione avevamo il controllo della partita"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Nicola Ianuale/TuttoSalernitana.com

Al termine della partita persa per 2-0 contro il Cagliari, Claudio Ranieri è intervenuto ai microfoni di Sky Sport per commentare la partita. L'allenatore blucerchiato è partito dall'espulsione di Augello, riconosciuto come momento chiave dell'incontro.

“L’espulsione è stato un episodio grave perché avevamo il controllo della partita. Poi c’è stato il rigore e la partita si è messa secondo i piani che fanno comodo al Cagliari, che ha potuto giocare in contropiede, in verticale. Sul risultato di 1-0 abbiamo sbagliato due ripartenze noi, peccato. Fin quando siamo stati in parità numerica la palla la giocavamo noi e non loro, poi hanno sfruttato l’uomo in più per far girare palla e creare qualcosa. Quel qualcosa è stato creato con un calcio di rigore e poi è stato tutto più difficile. I miei non si sono mai arresi, ci abbiamo provato, ma certo nelle ripartenze erano pericolosi.

Quando Jankto ruba palla, se la mette giusta per Quagliarella entravamo dentro, peccato. Anche il rigore non mi convince. Io non credo mai ai giocatori, perché sono bugiardi, però mi dicevano quelli che si riscaldavano a bordo campo che prima che l’arbitro desse il rigore, il guardalinee diceva tutto bene. Poi l’arbitro l’ha fischiato. Se questo è calcio di rigore, io non lo so… Si farà le ossa, è giovane, migliorerà. Augello invece era ultimo uomo, Nandez andava in porta, per cui dalla panchina l'espulsione mi è sembrata giusta. Dopo l'espulsione, all'inizio del secondo tempo l’idea era continuare a fare la stessa partita. Avevo messo Candreva su Sottil e un’ala che poteva far gioco, come Damsgaard. Le cose non erano andate male male male".