Quagliarella: “Dobbiamo convertire la delusione in rabbia agonistica. Crederci fino alla fine”

12.02.2019 22:00 di Serena Timossi Twitter:   articolo letto 1365 volte
© foto di Insidefoto/Image Sport
Quagliarella: “Dobbiamo convertire la delusione in rabbia agonistica. Crederci fino alla fine”

Nel corso della trentacinquesima edizione della Rete d'Argento, Fabio Quagliarella ha voluto ringraziare i tifosi e il Club Gianni De Paoli di Lavagna per il riconoscimento di cui è stato insignito:

“Ringrazio i tifosi per il secondo anno consecutivo, è sempre una bella soddisfazione - ha dichiarato ai microfoni di Primocanale durante la trasmissione "Gradinata Sud" -. I tifosi mi fanno sentire a casa, a mio agio e questo ti fa lavorare con più serenità”.

Sulla sconfitta con il Frosinone: “Bisogna riscattarsi subito, domenica non abbiamo una partita facile, ma del resto non esistono partite facili. Neanche noi ci aspettavamo un passo falso del genere, la delusione è stata tanta, ora dobbiamo convertirla in rabbia agonistica”.

Sul fatto di essere il re incontrastato dell'attacco blucerchiato e tra i capocannonieri della Serie A: “Io faccio goal perché i miei compagni mi mettono nella condizione di fare goal. Se sono lì è merito della squadra, della società e dei tifosi, che mi danno affetto e quella serenità che consente di fare bene”.

Dopo il passo falso con il Frosinone, la Samp può ancora ambire all'Europa? “Io sinceramente non ho mai parlato di Europa e di obiettivi. La classifica però è questa, perché non crederci e provarci fino alla fine? Io prima mi guardo alle spalle e poi piano piano guardo avanti. Sarebbe bello fare sognare i tifosi”.