Ferrero: "Dalle sconfitte bisogna tirare fuori il bene. Non ce l'avevo con Garrone"

11.03.2019 12:48 di Emanuele Massa   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Ferrero: "Dalle sconfitte bisogna tirare fuori il bene. Non ce l'avevo con Garrone"

Il giorno dopo la sconfitta contro l'Atalanta il Presidente Ferrero ha rilasciato un'intervista ai microfoni di Samp Tv, spaziando su diversi temi:

"La partita di ieri è stata importante e combattuta, abbiamo perso perché l'Atalanta è una grande squadra ma noi non siamo da meno. Noi dobbiamo ripartire con il Sassuolo, faccio i complimenti ai miei ragazzi, divertitevi, quest'anno saremo più forti di prima. Dalle sconfitte bisogna tirare fuori il bene, non è una sconfitta ma una partita".  

"Mi dispiace che un allenatore come Gasperini possa avere avuto questa reazione - ha proseguito Ferrero - non è un atteggiamento sportivo, con fermezza dico che noi non possiamo andare avanti un questa maniera. L'Atalanta è una grande squadra, ha vinto una partita, lui è stato espulso da un signor arbitro, doveva ringraziare e uscire dal campo, non mettersi a discutere e alzare le mani contro un dirigente della Sampdoria. Gasperini ha sbagliato"

"Colgo l'occasione per dire che non ce l'avevo con Garrone e Mondini, io, tutta la città e i tifosi dobbiamo essere grati in primis a Riccardo Garrone, poi a Edoardo Garrone e Giovanni Mondini, che saluto e ringrazio. Se c'è stato un fraintendimento e l'enfatizzazione di una parola - ha concluso il Presidente - chiedo scusa alla Famiglia Garrone".