ESCLUSIVA SN - Con Iachini: dall'impresa promozione all'attualità Sampdoria

06.06.2021 16:46 di Diego Anelli   Vedi letture
ESCLUSIVA SN - Con Iachini: dall'impresa promozione all'attualità Sampdoria
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Dal recente passato indimenticabile risalente al 2012 alla stretta attualità. Sampdorianews.net ha avuto l'onore di contattare in esclusiva il principale artefice di quella incredibile promozione, Beppe Iachini:

Mister, il 6 giugno 2012 il primo round della finale play-off e tre giorni più tardi l'apoteosi a Varese. A distanza di anni cosa ti è rimasto? "Ho ricordi bellissimi, sono stati mesi vissuti come se fossero state dieci stagioni per le grosse difficoltà superate, siamo riusciti a ribaltare tutto arrivando fino al successo. Tutto mi è rimasto nel cuore, il cammino ha legato ancora di più i tifosi e tutto l'ambiente con il sottoscritto. A distanza di anni sono ricordato con affetto, lo stesso che provo nei confronti dei tifosi, della maglia, dei colori della Sampdoria".

Ancora oggi commentiamo con stupore la tua mancata conferma... "A volte ci sono le combinazioni giuste, altre volte non si verificano... senz'altro mi è dispiaciuto parecchio non poter restare, avremmo potuto proseguire il percorso di valorizzazione di molti giovani. Mi vengono in mente ad esempio Icardi, Obiang, Krsticic, Soriano, Rossini, oltre ad Eder e Pozzi. In quei mesi hanno dato tanto alla Sampdoria, tutti insieme abbiamo raggiunto in rimonta l'obiettivo promozione, ricevendo il giusto riconoscimento dall'intero ambiente. Il mio ricordo è vivo come fossi rimasto per dieci anni alla Sampdoria".

Tra i nostri opinionisti spicca una tua vecchia conoscenza, Nicola Pozzi. Dalle sue parole non mancano mai affetto e riconoscenza nei tuoi confronti. "Nicola è come un figlio, arrivava dagli allievi e l'ho fatto esordire a sedici anni in prima squadra a Cesena, è un ragazzo d'oro".

Mister, per il post Ranieri si è parlato anche di te... "Ogni volta che avviene un cambio di panchina alla Sampdoria il mio nome inizia a circolare. Una situazione dettata dal lavoro fatto in quei mesi a Genova, dal rapporto umano di affetto e stima reciproci con la piazza. Per il sottoscritto è sempre una grande gioia, perchè la Sampdoria è una squadra speciale, non sarà mai come le altre per me". 

Quando si parlava di Massimo Ferrero in ottica Palermo, eri dato come la prima scelta in panchina. "Ho saputo di questa considerazione. Qualche anno fa erano circolate voci anche per la Sampdoria, ma in ogni caso non potevo muovermi essendo ancora sotto contratto. In questo momento parlando di Sampdoria non posso confermare, nè smentire, non dico niente...".

RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE SAMPDORIANEWS.NET